menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto Adnkronos

foto Adnkronos

Coronavirus, Confartigianato Palermo: "Settore moda al collasso, subito aiuti"

A lanciare l'allarme è la rappresentanza sindacale: "L'analisi Istat dei dati sul commercio estero, indica nei primi 11 mesi del 2020 una caduta di 10,7 miliardi di euro del made in Italy della moda, pari ad un calo del 20,3 per cento"   

"Artigiani della moda al collasso. Nessun aiuto, nessun ristoro, nessun governo, che sia nazionale o regionale, che ponga l'attenzione su chi produce nel settore della moda. Dopo quasi un anno dallo scoppio dell'epidemia da Covid-19, la manifattura italiana segna un calo di produzione del 12,6 per cento, con una flessione più marcata per le imprese della moda". A lanciare l'allarme è Confartigianato Palermo, sottolineando che "l'analisi Istat dei dati sul commercio estero, indica nei primi 11 mesi del 2020 una caduta di 10,7 miliardi di euro del made in Italy della moda, pari ad un calo del 20,3 per cento".    

"Le imprese della moda hanno bisogno di un intervento robusto - dice Francesca Pipi, coordinatrice del settore moda di Confartigianato Palermo -. C'è una necessità, una urgenza per meglio dire, di azioni di sostegno per il rilancio di tutte le imprese del settore moda". I dati nazionali parlano di grandi numeri con 56 mila aziende con 464mila addetti, di cui il 67 per cento sono micro e piccole imprese. Si tratta di un settore ad alta vocazione artigiana, con 36 mila imprese artigiane che danno lavoro a 157 mila addetti, un terzo dell'occupazione del settore. E a Palermo i numeri dimostrano che si tratta di un settore di grande rilevanza, con 203 aziende con 442 addetti, tutti impegnati in imprese di micro e piccole imprese. Un settore ad alta vocazione artigiana, con 141 imprese artigiane che danno lavoro a 306 addetti, più di due terzi (69,2 per cento) dell'occupazione del settore.  

"Una fetta di questi artigiani, sono siciliani, palermitani che chiedono e invocano il nostro intervento. Noi - aggiunge Francesca Pipi - non possiamo non sollecitare il governo affinché preveda dei ristori, dei bonus guardando al calo di fatturato di queste aziende. Ristorando chi ha perso e chi sta perdendo. Serve un piano ampio di interventi che restituiscano slancio al comparto manifatturiero simbolo del made in Italy nel mondo, che ha subito i peggiori effetti della crisi da Covid-19. Chiediamo a gran voce un intervento ai nostri politici, al governatore della Regione Nello Musumeci e all'assessore regionale alle Attività produttive, Girolamo Turano. I nostri artigiani sono in ginocchio. E gli aiuti concreti, quelli veri, non sono più rinviabili".   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento