menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(Nella foto, da sinistra, Daniele Bellini, Giuseppe Sciarabba, Vito Filippo Barone)

(Nella foto, da sinistra, Daniele Bellini, Giuseppe Sciarabba, Vito Filippo Barone)

Covid, a Godrano e Ciminna 162 mila euro di contributi a fondo perduto per le imprese in difficoltà

I sindaci dei due comuni, Daniele Bellini e Vito Filippo Barone, hanno definito le procedure di erogazione delle risorse del "Fondo di sostegno alle attività economiche, artigianali e commerciali 2020-2022"

A Godrano e Ciminna 162 mila euro di contributi a fondo perduto in aiuto delle imprese danneggiate economicamente dall'emergenza Covid. I sindaci dei due comuni, rispettivamente Daniele Bellini e Vito Filippo Barone, attraverso l'Agenzia di sviluppo del Mezzogiorno, presieduta da Giuseppe Sciarabba, hanno definito le procedure di erogazione delle risorse del "Fondo di sostegno alle attività economiche, artigianali e commerciali 2020-2022" in attuazione del decreto della presidenza del consiglio dei ministri del 24 settembre 2020.

A Godrano in arrivo quasi 27 mila euro relativi al 2020 a beneficio delle piccole e micro imprese del territorio per sostenere le spese di gestione a partire dalle utenze (telefono, luce, gas, acqua), per tasse e contributi, ma anche per acquistare dispositivi di protezione dal virus come mascherine, guanti, copri-scarpe, occhiali protettivi, visiere protettive, misuratori di temperatura, prodotti igienizzanti. E ancora, contributi per la ristrutturazione, l'ammodernamento, l'ampliamento per innovazione di prodotto e di processo, incluse le innovazioni tecnologiche indotte dalla digitalizzazione dei processi di marketing on-line e di vendita a distanza, compreso l'acquisto di macchinari, impianti, arredi, attrezzature, e le opere murarie e impiantistiche necessarie per l'installazione dei macchinari e dei nuovi impianti produttivi.  

A Ciminna gli aiuti relativi al 2020 ammontano invece a quasi 58 mila euro, rispetto a una dotazione complessiva, fino al 2022, di circa 135 mila euro. I contributi, a beneficio delle microimprese (meno di 10 dipendenti) con sede legale e/o operativa nel territorio comunale, possono essere impiegati per il rimborso delle spese di gestione: dipendenti, tasse, utenze, eccetera. Per essere beneficiari delle risorse, tra gli altri requisiti, bisogna avere avuto l'attività economica sospesa durante il lockdown, non avere esercitato l'attività, e/o avere registrato una diminuzione di fatturato del 25 per cento.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento