Coronavirus, i sindacati: "Agricoltura, regolarizzare migranti nelle campagne"

Cgil e Flai Sicilia chiedono tavolo regionale: "Necessità ineludibile anche per assicurare condizioni di lavoro e di vita in piena sicurezza anti- contagio"

“La regolarizzazione dei lavoratori stranieri impegnati nelle campagne siciliane è oggi una necessità ineludibile. Portare alla luce il lavoro nero, oltre che un obbligo morale e di legalità,  è anche fondamentale per evitare che lo sfruttamento, che persiste,  e le conseguenti precarie condizioni abitative e di lavoro determinino il rischio di contagio e di diffusione dell’epidemia”: lo affermano in una nota congiunta i segretari generali della Cgil e della Flai siciliane, Alfio Mannino e Tonino Russo.

I due esponenti sindacali vedono “strumentalità in alcune proposte circolate in questi giorni. Si guardi la realtà – dicono-  per rendersi conto della rilevanza del lavoro dei migranti nelle campagne e  che ci sono situazioni da porre all’attenzione, figlie dello sfruttamento, come, in Sicilia, quelle delle tendopoli di Cassibile e Castelvetrano, dove le precarie condizioni abitative di chi essendo irregolare non può trovare una casa in affitto e vivere in condizioni decenti rischiano di alimentare focolai di contagio da Coronavirus”. Mannino e Russo sottolineano che “bisogna mettere in sicurezza questi lavoratori, che assicurano il  cibo sulle nostre tavole, sottraendoli a fenomeno di sfruttamento e caporalato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La questione è sempre la stessa- sottolineano- e se fosse stata affrontata prima oggi avremmo un problema in meno: favorire l’incontro legale tra domanda e offerta nell’ambito delle previsioni della legge 199/2016, con l’istituzione delle sezioni territoriali  della Rete del lavoro agricolo di qualità”. Mannino e Russo rilevano che “oggi al problema della legalità, della lotta allo sfruttamento e della qualità del lavoro si aggiunge il problema della sicurezza sanitaria che va garantita a tutti coloro che lavorano nelle nostre campagne, anche  a chi lavora in nero, schiera rappresentata con numeri importanti da lavoratori migranti, ma non solo”. Cgil e Flai chiedono la “convocazione urgente di un tavolo regionale sul lavoro agricolo e contro lo sfruttamento”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento