menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Acconciatori e centri estetici spingono per la riapertura: "Ora non ci sono più alibi"

Cna Sicilia: "Non vogliamo lasciare alcun margine di dubbio al Governo regionale, c'è anche un codice di autoregolamentazione condiviso e sottoscritto dalle parte sociali, già inviato a Palazzo d’Orleans. Si tratta del primo caso in Italia"

“Cna Sicilia, facendo leva anche sul sostanziale via libera arrivato da Roma, torna a sollecitare la riapertura immediata dei centri di estetica e degli acconciatori. Non ci sono più alibi". A parlare è il  segretario regionale della Confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola e media impresa, Piero Giglione.

“Non vogliamo lasciare alcun margine di dubbio al Governo regionale - si legge in una nota -. Si tratta del primo caso in Italia: un codice di autoregolamentazione condiviso e sottoscritto dalle parte sociali, già inviato a Palazzo d’Orleans con destinazione il presidente Musumeci, Mimmo Turano, assessore alle Attività Produttive, Ruggero Razza, assessore alla Salute, ma indirizzato anche a Palazzo dei Normanni e in particolare a Orazio Ragusa, presidente della Terza Commissione Legislativa dell’Ars. “In Sicilia – spiega Giglione - ormai il contesto sanitario e lo scenario di indirizzo politico nazionale confluiscono verso un’unica soluzione, che è quella della ripresa delle attività artigianali e commerciali”.

Cna, assieme alle altre Organizzazioni datoriali dell’artigianato (Claai, Casartigiani e Confartigianato) e alle sigle sindacali di categoria di Cgil, Cisl e Uil, "ha contribuito a realizzare quella dimensione di sicurezza, fondamentale per aprire le porte della Fase 2  agli altri segmenti produttivi".  

“Proprio ieri  mattina, al termine di un apposito incontro a distanza- afferma Giglione - sonostate definite e firmate le linee guida che riguardano le prescrizioni e i dispositivi da adottare nei saloni e nelle strutture del benessere da parte degli operatori e delle operatrici che si occupano della cura della persona. Un rigido vademecum che mette al centro l’igiene, la pulizia e la sicurezza, la cui applicazione, in perfetta sintonia con gli assetti generali del protocollo, rappresenta un’assoluta garanzia per  i clienti e per gli stessi operatori. A questo punto – osserva ancora Giglione – noi abbiamo fatto a pieno la nostra parte a difesa e salvaguardia delle categorie produttive che sono ormai allo stremo delle forze, al limite del collasso finanziario dopo due mesi di lockdown,  adesso tocca alla Regione che, alla luce di una convergenza di fattori positivi, partendo dalla curva del contagio ormai vicina allo zero, è chiamata – conclude il segretario regionale della Cna - ad adottare i conseguenziali provvedimenti destinati, sulla base delle fresche indicazioni del Premier Conte, non possono non riguardare anche i bar, i ristoranti e le attività al dettaglio”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento