menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Di Dio (Confcommercio): "Anche nelle zone arancioni c'è stato lockdown degli acquisti"

Il presidente ritiene indispensabile una forte sollecitazione al Governo "affinché le misure a sostegno delle imprese vengano inserite anche per le zone arancioni. Il dl ristori deve contenere un sostegno alle imprese del commercio"

“Non è possibile che nel decreto ristori bis non sia prevista alcuna misura straordinaria nei confronti di tutti quegli esercizi del commercio al dettaglio per i quali la chiusura obbligatoria non è stata prevista dall’ultimo Dpcm del Presidente del Consiglio”. Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo, ritiene indispensabile una forte sollecitazione al Governo affinché le misure a sostegno delle imprese vengano inserite anche per le zone “arancioni”. 

Patrizia Di Dio rileva come le condizioni imposte sia dal Dpcm che dalle ordinanze locali abbiano, di fatto, creato uno scenario del tutto simile a quello di un lockdown, invitando le persone a limitare al minimo gli spostamenti, con inevitabili gravi conseguenze per la tenuta delle attività commerciali che hanno subito una sorta di “lockdown degli acquisti”.

“Massimo rispetto per le decisioni inerenti l’emergenza sanitaria ma non possiamo ignorare i contraccolpi a cui stanno andando incontro le imprese che già hanno subito un calo di fatturato che ha già raggiunto punte del 75%. Il settore è tra l’altro ancora in gravissime difficoltà per le conseguenze del primo lockdown dove alle promesse del Governo non sempre hanno fatto seguito fatti concreti”.

Fra le misure a sostegno sollecitate da Confcommercio Palermo ci sono contributi a fondo perduto sulla base della differenza dei fatturati, la sospensione dei versamenti dei contributi e delle tasse, la cancellazione della seconda rata dell’Imu e il credito d’imposta sul canone di locazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento