Saldi al via in Sicilia il 1° luglio, Confcommercio: "Scelta sbagliata"

Il presidente siciliano Francesco Picarella: "In questo modo non si ridà dignità al lavoro dei commercianti che si troveranno con notevoli problemi nella gestione dei magazzini"

"La scelta dell'assessore delle Attività produttive Mimmo Turano di voler far partire da mercoledì 1° luglio i saldi in Sicilia pensiamo che sia sbagliata". Lo dice il presidente di Confcommercio Sicilia, Francesco Picarella, aggiungendo: "Vero è che probabilmente si invoglieranno i consumatori restii in questa cosiddetta Fase 3, ma è certamente pur vero che in questo modo non si ridà dignità al lavoro dei commercianti che si troveranno con notevoli problemi nella gestione dei magazzini".  

"Oltretutto - prosegue Picarella - ancora una volta viene disatteso l'invito della conferenza delle Regioni e delle Province autonome e del suo presidente Stefano Bonaccini, che aveva scritto a tutti i presidenti di regione invitandoli a prendere una decisione omogenea e questo ci risulta incomprensibile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento