"Un piano di manutenzioni straordinarie", la proposta di Anello per far ripartire l'economia in città

L'appello del consigliere leghista all'amministrazione Orlando: "Ora che nelle strade c'è poco traffico, le scuole e gli impianti sportivi sono chiusi, si dia il via ad una serie massiccia di interventi di recupero con affidamenti diretti alle imprese edili private"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Il sindaco della nostra città non ha ritenuto opportuno coinvolgere l’opposizione per valutare le iniziative e le scelte in un momento difficile come questo. E questo è, a nostro parere, un grave errore. Oggi però è il momento di dare il proprio contributo alla collettività e io lo voglio fare da ex assessore che conosce la macchina comunale. Domani quando saremo fuori dall’emergenza ci sarà tempo per fare bilanci".

A dirlo è Alessandro Anello, consigliere comunale della Lega, che propone all'amministrazione comunale "un piano di manutenzione straordinaria delle strade, da far partire con affidamenti diretti, che può essere messo a punto con molta rapidità". Un'idea condivisa anche il capogruppo del Carroccio Igor Gelarda. 

"Per adesso - spiega Anello - bisogna dare liquidità alle piccole e medie imprese, utilizzando le somme messe a disposizione dal governo nazionale, da quello regionale ma anche quelle che si potrebbero reperire tra le pieghe del bilancio comunale, attivando meccanismi che portano liquidità e agevolano i consumi in maniera concreta. Bisogna ad esempio prevedere interventi, quantificandone costi e ipotizzando modalità più veloci per affidamenti diretti. In questo può giocare un ruolo fondamentale l'Ance, l'associazione dei costruttori edili: imprese private che avrebbero tutto l'interesse a far ripartire l'economia".

Il piano di manutenzione straordinaria delle strade, secondo Anello, sarebbe in questo momento agevolato "dal ridotto volume di traffico". Ciò, prosegue, comporterebbe "tempi più veloci e costi ridotti nel rifacimento dei manti stradali. Stessa cosa per la manutenzione straordinaria delle scuole, approfittando che sono vuote e che non sappiamo quando ritorneranno gli alunni, piuttosto che fare tutto nel 'solito' mese di agosto. Pensiamo ancora ad un altro piano di interventi facilmente realizzabile come quello per gli impianti sportivi, che in questo periodo non hanno presenze di nessun atleta e che necessitano di interventi di manutenzione straordinaria consistenti. E' adesso che tutto ciò è realizzabile, proprio perché ci troviamo in un momento di assoluta emergenza e possiamo richiedere e ottenere misure eccezionali da adottare. Tutto questo ci permetterebbe di riavviare una parte dell'economia palermitana, attraverso le imprese che  si occuperebbero di questi lavori".

"Proprio adesso - conclude Anello - con i piani di intervento pronti e approvati dalla Giunta, il sindaco potrebbe mettere sul tavolo le richieste sia al governo regionale che a quello nazionale. Dobbiamo essere noi a fare la nostra parte in tempo e ad avere tutte le carte in regola per poter far ripartire sia l'economia sia la vita della nostra città. Non possiamo aspettare inermi le decisioni altrui. Insomma, paradossalmente potremmo 'sfruttare' il momento di grandissima emergenza per realizzare tutti gli interventi di manutenzione straordinaria che non vediamo da anni e che, alla ripresa della vita normale, renderebbero più bella e migliore di prima la nostra città".

Torna su
PalermoToday è in caricamento