Licenziamenti alla Sivibus, il Comune promette: "Lavoratori saranno ricollocati"

Ad annunciare la buona notizia nel corso di un incontro con i sindacati dei metalmeccanici gli assessori Marano e Catania. L'Amat continuerà ad affidare all'esterno la manutenzione degli autobus nel rispetto dei vincoli previsti dai bandi che la Sivibus si era aggiudicata

L'Amat continuerà ad affidare all'esterno la manutenzione degli autobus e per i lavoratori della Sivibus, la società che ha gestito il servizio per 40 anni e che ha avviato le procedure di licenziamento collettivo, saranno avviate le clausole sociali. A chiarire questi due punti, nel corso di un incontro che si è svolto ieri con le organizzazioni sindacali territoriali dei metalmeccanici Fiom Cgil e Uilm Uil di Palermo, sono stati l'assessore alla Mobilità Giusto Catania e l'assessore al Lavoro Giovanna Marano ribandendo la volontà dell’amministrazione comunale, negli affidamenti esterni di servizi del Comune, di trovare soluzioni affinché i lavoratori non perdano il posto. A dichiararlo sono Angela Biondi e Vincenzo Comella, segretari della Fiom e della Uilm di Palermo: "Questo per noi è un punto imprescindibile a difesa del lavoro e dei lavoratori, specialmente quando si tratta di lavoratori che hanno sempre lavorato praticamente in via esclusiva per l’amministrazione comunale”.

Si tratta ora di individuare le aziende cui affidare il sevizio nel rispetto dei vincoli previsti dai bandi che la stessa Sivibus si era aggiudicata. Il presidente dell’Amat Cimino ha confermato il percorso tracciato dagli assessori Marano e Catania, aggiungendo che, per il disagio che questa situazione sta causando al servizio di manutenzione, si sta già procedendo nell’individuazione di altre aziende per ripristinare al più presto il servizio. “Abbiamo infatti chiesto al presidente Cimino se corrisponda al vero quanto appreso dalla stampa sull’intenzione dell’azienda di internalizzare il servizio  – continuano Biondi e Comella – e su questo punto Cimino è stato molto chiaro: il perimetro del servizio affidato all’esterno non è in alcun modo messo in discussione”.

Nel pomeriggio i sindacati di categoria hanno poi incontrato la Sivibus nella sede di Sicindustria per continuare il percorso di esame congiunto previsto dalle norme che regolano i licenziamenti collettivi. “Abbiamo chiesto - concludono i sindacalisti - l’attivazione della cassa straordinaria, prevista per l’industria, perché vogliamo percorrere tutte le strade in attesa del ricollocamento dei lavoratori nelle aziende che subentreranno alla Sivibus nella manutenzione degli autobus dell’Amat”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Annientata la Cupola di Cosa nostra: arrivano 46 condanne, inflitti oltre 4 secoli di carcere

Torna su
PalermoToday è in caricamento