Lunedì, 20 Settembre 2021
Economia

La scomparsa silenziosa degli sportelli bancari siciliani, l'allarme: "Basta, è uno sterminio"

Il coordinatore della Fabi (Federazione Autonoma Bancari Italiani): "Chiuse decine e decine di filiali nel’Isola, con l’arrivo del Covid la situazione è precipitata"

"Basta con la chiusura degli sportelli nell'Isola". E' l'allarme lanciato da Fabi Sicilia a Unicredit e alle altre banche. A parlare è il coordinatore della Fabi (Federazione Autonoma Bancari Italiani) Carmelo Raffa: "Atri sportelli bancari potrebbero essere chiusi nei prossimi mesi negli Istituti di Credito nel’isola - dice -. Come sindacato negli anni scorsi avevamo già lanciato un invito alle Aziende di Credito di tenere in debito conto la situazione degli abitanti dei piccoli comuni e purtroppo Unicredit e le atre banche hanno fatto orecchie da mercante e sono andati avanti a rullo compressore chiudendo decine e decine di filiali nel’isola. Ciò nonostante la chiara presa di posizione del parlamento siciliano, dell’Associazione dei Comuni e di tanti Rappresentanti  dell’Associazionismo".

"Con l’arrivo del Covid19 la situazione è precipitata e tanti altri Comuni, oltre gli otre 100 già privati da filiali  e bancomat,  hanno subito la stessa penalizzazione  anche se in via provvisoria - dice Raffa -. Ma è vero che le banche rappresentano un servizio pubblico essenziale? Certamente e lo hanno dimostrato e continuano a dimostrarlo i lavoratori che in piena pandemia continuano ad operare e a prestare servizio alla clientela. Chiediamo - conclude il coordinatore della Fabi Sicilia - che si metta fine allo sterminio degli sportelli da parte di Unicredit, che rappresenta l’erede delle banche siciliane: Sicilcassa e Banco di Sicilia, e dagli altri Istituti di Credito auspicando anzi la riapertura di quelli chiusi nei comuni negli ultimi anni".


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La scomparsa silenziosa degli sportelli bancari siciliani, l'allarme: "Basta, è uno sterminio"

PalermoToday è in caricamento