Natale amaro per i lavoratori di Grand Vision: l'azienda chiude due punti vendita a Palermo

Si tratta dei negozi in via Roma e in via Ugo La Malfa. Il sindacato denuncia: "I dipendenti riceveranno una lettera di trasferimento al Nord che potrebbe spingerli a dare le dimissioni"

Sarà un Natale amaro quello dei lavoratori Grand Vision by Optissimo: l'azienda che opera nel settore dell’ottica oggi ha preannunciato che il 31 dicembre chiuderà i punti vendita di Palermo in via Roma. Il 29 febbraio toccherà al negozio di via Ugo La Malfa (ex Città Mercato) abbassare la saracinesca.

“Il sospetto di eventuali chiusure che come Fisascat denunciavamo da tempo - dichiara Mimma Calabrò, segretario generale Fisascat Cisl Sicilia – sembrano rivelarsi, purtroppo, fondate. L’Azienda ha annunciato che i 13 lavoratori impiegati nei punti vendita oggetto di chiusura non verranno licenziati bensì riceveranno a breve lettera di trasferimento al Nord Italia. Simili determinazioni aziendali potrebbero spingere alle dimissioni i lavoratori che, da anni, si ritrovano ciclicamente di fronte a situazioni che li metterebbero con le spalle al muro. In un territorio così attanagliato dalla crisi come il nostro, non possiamo permetterci di perdere altre risorse che, con la loro professionalità, hanno contribuito alla leadership nel settore dell’ottica prima con insegna Randazzo e oggi Grand Vision”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nelle prossime settimana il sindacato incontrerà l'azienda per affrontare la questione e cercare soluzioni alternative ai trasferimenti al Nord: "Invitiamo le istituzioni a scendere in campo - conclude la sindacalista - e farsi parte attiva per mettere la parola fine a trasferimenti che di fatto si traducono dimissioni poco volontarie e al fenomeno migratorio di tutte quelle professionalità che, al fine di garantire un futuro alle proprie famiglie, si ritrovano costrette a lasciare la propria terra impoverendo sempre più la nostra Sicilia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Covid a Palermo, medico si sfoga: "Macché complotto, tante richieste di ricovero e reparto pieno"

  • Tragico incidente in via Roma, scontro auto-moto: un morto

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento