La boutique Alongi chiude dopo 39 anni, in via Ruggero Settimo aprirà un Lego Store

Un altro marchio storico abbasserà la saracinesca: il noto negozio d'abbigliamento per uomo tra circa tre mesi cesserà l'attività. Il titolare Giovanni Alongi, 82 anni, ha avuto una buona offerta e ha venduto: "Ho lavorato una vita. E' tempo di fermarsi"

L'ingresso della boutique

Un altro marchio storico dell'abbigliamento palermitano chiude i battenti. Il negozio Alongi in via Ruggero Settimo tra circa tre mesi abbasserrà la saracinesca. Il titolare Giovanni Alongi, 82 anni, ha avuto una buona offerta ed ha venduto l'attività. Dopo 39 anni la boutique lascerà il posto a un Lego Store, il negozio di mattoncini più famoso al mondo.

"Prima di aprire questa boutique ho lavorato 30 anni da Battaglia. Sono stanco - dichiara Giovanni Alongi a PalermoToday - e sereno. Ho lavorato una vita ed ho sempre fatto quello che andava fatto. E' tempo di fermarsi. Tra un paio d’anni potrebbe essere troppo tardi. Il cavallo buono si vende quando fa là buone cose".

Tra qualche giorno, all'interno del negozio comincerà la svendita totale della merce. "Aspettiamo - afferma il figlio Gianfranco - le autorizzazioni del Comune". Nella boutique si respira un'atmosfera rilassata nonostante tutto. Anche i due dipendenti di prima categoria che da almeno 15 anni lavorano come addetti alle vendite sono tranquilli e sorridenti. "Vanno e saranno tutelati - continuano padre e figlio - per noi sono persone di famiglia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, ordinanza restrittiva di Musumeci: "Chiuse fino al 16 gennaio tutte le scuole"

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Cervello, irrompe in un reparto Covid e (senza mascherina) urla ai medici: "Voglio vedere mio padre"

Torna su
PalermoToday è in caricamento