Carini, a fine mese chiude Auchan al centro commerciale Poseidon: lavoratori in bilico

Dopo la cessione al gruppo Conad di Margherita distribuzione non si conoscono ancora le intenzioni della nuova società. Lo scoglio del caro affitti e il futuro nebuloso: i consiglieri di Prima Carini-Fdi chiedono l'apertura di "un tavolo di concertazione per fare chiarezza"

Resta appeso a un filo il destino dei circa 100 lavoratori di Auchan del centro commerciale Poseidon di Carini. Dopo la cessione degli ex supermercati Auchan al gruppo Conad di Margherita distribuzione non si conoscono le intenzioni della nuova società. Una situazione che allarma addetti e sindacati, in quanto a fine mese l'ipermercato chiuderà e non c'è nessuna chiarezza sul futuro.

Molti negozi della galleria del Poseidon hanno già chiuso a causa delle limitazioni imposte dal Covid, che hanno ridotto il volume di affari e hanno reso insostenibile anche il costo degli affitti dei locali. Proprio il caro affitti sarebbe un vero e proprio scoglio per la nuova società che, dopo aver acquisito Auchan, dovrebbe acollarsi una pigione da un milione di euro annui.

I consiglieri di Prima Carini-Fratelli d'Italia chiedono l'apertura di "un tavolo di concertazione con l’amministrazione comunale, i sindacati e le associazioni di categoria, che faccia chiarezza sulla vicenda". Così dicono Claudio Armetta, Rosa Covello e Maria Laura Alamia, pronti a "sostenere qualsiasi azione per ridare speranza sull’occupazione di decine di lavoratori, ignari del loro futuro". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Grida "mamma" e si accascia in cucina, morta bimba di 9 anni ad Acqua dei Corsari

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento