"Non siamo numeri ma risorse", nuova protesta dei lavoratori Italtel di Carini

L'agitazione è scattata a livello nazionale dopo che l'azienda, il 21 dicembre scorso, ha comunicato alle organizzazioni sindacali e a tutte le Rsu degli stabilimenti la disdetta unilaterale del contratto integrativo

Uno degli striscioni appesi davanti allo stabilimento

Striscioni di protesta e bandiere in attesa della visita all'Italtel di Carini dell'amministratore delegato Stefano Pileri e del presidente Domenico Favuzzi,che incontreranno i lavoratori in assemblea. Un incontro che, dopo le tappe di Milano e di Roma, i vertici di Italtel avranno con i 184 dipendenti dell'azienda che dal 15 gennaio sono in sciopero a oltranza con l'astensione totale della reperibilità e delle trasferte. La protesta è scattata a livello nazionale dopo che l'azienda, il 21 dicembre scorso, ha comunicato alle organizzazioni sindacali e a tutte le Rsu degli stabilimenti la disdetta unilaterale del contratto integrativo.

“Per i lavoratori, si tratta di una perdita di salario tra  2 mila e i 2.500 euro all'anno  – dice Rosario Tomaselli, segretario Fiom Cgil Palermo e dipendente Italtel - . Finchè l'azienda non sospende la revoca dell'integrativo, resteremo in sciopero a oltranza per contrastare questa decisione unilaterale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ascolteranno  quello che dirà l'amministratore delegato – aggiungono Angela Biondi e Francesco Foti, segretari Fiom Cgil Palermo -  e ribadiremo  che lo sciopero non sarà interrotto fin quando l'azienda, in Assolombarda, non apre al confronto e rivede le sue posizioni, ripristinando l'integrativo”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: scatta il coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus, Musumeci gela tutti: "Prima o poi arriveremo alla chiusura totale"

  • Conte firma il nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata l'ordinanza di Musumeci

  • In strada contro il Dpcm: ai Quattro Canti scoppia la guerriglia

  • Covid, via libera dalla Regione al disegno di legge per la ripresa delle attività economiche

  • Arancine, panelle e blatte: chiusa rosticceria abusiva nel cuore di Boccadifalco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento