Sabato, 24 Luglio 2021
Economia

Carini, Cgil: "Scongiurati i licenziamenti dei 20 dipendenti della cava Meditour"

Il gruppo si occupa dell’estrazione di materiali inerti, oltre che della produzione di calcestruzzo e di conglomerati cementizi, ed è in amministrazione giudiziaria

La cava della Meditour

"Arriva l'autorizzazione per continuare a estrarre nella cava Impastato di Montelepre. L'atto, emesso dall'assessorato regionale all'Energia, che consente i lavori di ampliamento della cava Meditour in amministrazione giudiziaria, scongiura i licenziamenti dei 20 dipendenti". Lo rende noto la Fillea Cgil.

Il sindacato ricorsa che "sono stati per più di cinque anni con una spada di Damocle sulla testa i lavoratori del complesso aziendale Meditour, che comprende anche le società Incas e Prime iniziative, sequestrato dal gennaio 2008 ad Andrea Impastato. Il gruppo si occupa dell’estrazione di materiali inerti, oltre che della produzione di calcestruzzo e di conglomerati cementizi, in contrada Saraceno-Ucciardo, nel comune di Carini".

“I dipendenti, a causa della scadenza dell’autorizzazione a estrarre, avrebbero potuto perdere il  posto di lavoro da un momento all’altro, visto che il giacimento oggetto della concessione è ormai prossimo all’esaurimento”, dichiara Salvatore Bono, segretario provinciale Fillea Cgil Palermo.  

In assenza della concessione, l’amministrazione giudiziaria in tutto questo tempo non ha potuto consolidare l'attività lavorativa, trovandosi anche costretta a dovere rinunciare a importanti commesse. “In un primo momento avevamo espresso tutta la nostra perplessità quando lo scorso anno è stato sostituito l’amministratore giudiziario del gruppo, che dal  2012 aveva avviato il farraginoso iter per richiedere al distretto minerario l’ampliamento della cava, progetto più volte bocciato per mera questione di interpretazione del nuovo piano cave varato dalla Regione siciliana nel 2016”, aggiunge Bono.  

Nuovi amministratori del gruppo sono stati nominati l’avvocato Marco Morici e Giovanni Lanza, che fin dal loro insediamento si sono messi al lavoro di concerto con la Fillea-Cgil  di Palermo per ottenere l'ok all'ampliamento della cava, atto indispensabile per continuare l’attività del gruppo stesso. “Finalmente – prosegue Bono – il proficuo e intenso lavoro di sinergia tra amministratori e sindacato ha dato i suoi frutti. E in tempi relativamente brevi,  lo scorso 17 aprile l’assessorato regionale all’Energia ha rilasciato la tanta attesa  autorizzazione, atto che assicurerà la prosecuzione dei lavori e di conseguenza un reddito sicuro per i dipendenti almeno per i prossim dieci anni”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carini, Cgil: "Scongiurati i licenziamenti dei 20 dipendenti della cava Meditour"

PalermoToday è in caricamento