Economia

"Premi dimezzati o non assegnati", nuova protesta ai cantieri navali

I lavoratori hanno incrociato le braccia per un'ora. I sindacati: "Gli operai hanno percepito il premio di partecipazione in maniera dimezzata. Niente premio del tutto per gli impiegati"

I cantieri navali

Sciopero di un'ora al cantiere navale. L'agitazione è stata indetta dai sindacati in modo unitario per "il premio di partecipazione percepito in maniera dimezzata dagli operai (circa 600 euro al posto di  1.200 euro) e non assegnato agli impiegati, rimasti senza il riconoscimento dell'obiettivo gestionale annuale di 1.600 euro".

“Alla fine a pagare per la mancanza di commesse e di un piano di investimenti del cantiere navale sono sempre i lavoratori – dice Francesco Foti, segretario provinciale della Fiom Cgil Palermo - Da più di tre anni la Fiom denuncia il totale disinteresse da parte di Fincantieri nei confronti dello stabilimento palermitano, sia in termini di commesse da assegnare che di riconoscimenti ai lavoratori.  In questo momento, l'unico  bacino funzionante, quello da 400 mila tonnellate, è sprovvisto di  commesse ed è fermo. Per i lavoratori diretti di Fincantieri c'è a malapena lavoro. E l'indotto ha appena avanzato una forte richiesta di cassa integrazione fino a settembre. Mentre lo stabilimento di Palermo è abbandonato negli altri  cantieri italiani vengono assegnate nuove commesse per i prossimi otto-dieci anni, che garantiscono continuità lavorativa sia ai dipendenti che all'indotto e una missione produttiva”.

Non è la prima volta che i lavoratori di Fincantieri Palermo vengono penalizzati. “Il problema non è che operai e impiegati hanno lavorato poco – aggiunge Foti -  La Fiom da tempo chiede di rivedere l'organizzazione del lavoro: continuano a registrarsi sbagli sulla progettazione e il lavoro va rifatto ripetutamente, con una perdita di ore sulla consegna non addebitabile ai lavoratori. Macchinari e attrezzature obsolete rallentano il processo produttivo tenendo i lavoratori inoperosi per giorni. Abbiamo chiesto che le ore perse  vengano esaminate nei conteggi singolarmente perché dal nostro punto di vista non sono da addebitare ai lavoratori dello stabilimento. Ribadiamo a Fincantieri nazionale – conclude Foti - che occorre un cambio di passo se veramente si vuole rilanciare lo stabilimento, portando commesse continuative, come avviene per le altre sedi italiane”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Premi dimezzati o non assegnati", nuova protesta ai cantieri navali

PalermoToday è in caricamento