Fincantieri, Palermo in pole anche per i lavori di allungamento della Msc Magnifica

Ad annunciare la notizia è Francesco Foti, segretario Fiom Cgil Palermo: "Il nostro stabilimento è il primo al mondo ad aver realizzato questo tipo di lavoro a secco, all'interno dei bacini". Già in corso lavori di allungamento di tre navi da crociera del gruppo Windstar

Il cantiere palermitano di Fincantieri, dove sono in corso lavori di allungamento di tre navi da crociera del gruppo Windstar, sarebbe in pole position anche per l'affidamento dei lavori di allungamento della nave da crociera Msc Magnifica. Ad annunciarlo è Francesco Foti, segretario Fiom Cgil Palermo: “Nei lavori del taglio e dell'allungamento delle navi siamo il punto di forza per Fincantieri, il nostro stabilimento è il primo al mondo ad aver realizzato questo tipo di lavoro a secco, all'interno dei bacini. I risultati ottenuti, sia per Fincantieri che per le compagnie, sono stati eccellenti. Siamo convinti e fiduciosi che a breve anche il lavoro di allungamento della nave da crociera Msc Magnifica possa essere assegnato a noi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il segretario annuncia inoltre la richiesta di un incontro urgente al ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli: "Chiederemo di confermare l'investimento già finanziato dal suo predecessore Di Maio per il bacino da 150 mila tonnellate. Al nuovo ministro chiediamo un incontro urgente per accelerare i tempi per il bando di gara, per consentire al cantiere la dotazione di questa importantissima infrastruttura. Da mesi - conclude - non abbiamo notizie, dal presidente della Regione Musumeci e dall'assessore alle Attività Produttive, sul finanziamento per i due bacini galleggianti da 19 mila e 52 mila tonnellate, ormai in stato di abbandono totale all'interno dell'area portuale. Non operativi e  obsoleti come sono, rischiano di affondare da un momento all'altro e di creare problemi all'interno del porto. La Regione si esprima e dica cosa vuole fare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento