Call center Sintesi, il presidente del consorzio: "L'allerta sugli esuberi resta alta"

La risposta di Enzo Rimicci alla nota della WindTre

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

In primo luogo un ringraziamento al deputato Erasmo Palazzotto per l’interrogazione Parlamentare volta a tutelare il perimetro occupazionale nell’area di Palermo ma che si estende per sua natura agli altri due siti di Napoli e Roma. In merito alla risposta della WindTre debbo far rilevare alcune inesattezze al loro comunicato Ansa.

La commessa WindTre/Sintesi nasce dall' applicazione di una norma della legge Biagi che prevede la possibilità per il committente (WindTre) di affidare a coop sociale (Sintesi) le proprie quote d’obbligo previste dalla legge 68/99. Le convenzioni sono siglate anche dalle Regioni. Tale accordo è in vigore dal 2006 e rappresenta un unicum nel panorama Italiano per il numero di soggetti disabili coinvolti. La legge Biagi prevede che gli inserimenti lavorativi sono destinati a quei soggetti che avrebbero più difficoltà ad essere selezionati dalle imprese obbligate alla presa in carico, a causa delle loro patologie.

Nelle convenzioni quadro siglate da WindTre, Sintesi e Regioni è prevista la figura dei Tutor (a volte soggetto con bassa disabilità) che debbono supportare e guidare i lavoratori tra questi vi sono psicologi e figure che sono state preparate a gestire soggetti con diverse patologie al fine di garantire un effettivo inserimento lavorativo ai disabili la loro mancanza rischierebbe di far regredire in particolare quelle persone affette d disabilità psichica  o psichiatrica.

Wind nella sua comunicazione di fatto non smentisce nulla ripeto all'alert lanciato dai sindacati e dalle forze politiche in merito ad eventuali esuberi i cui numeri possono arrivare nelle tre aree coinvolte a 250 di cui gran parte con disabilità o svantaggiati come da regolamento UE. Sintesi ha avvisato il committente che tale stato di stallo avrebbe inciso negativamente  su persone fragili che ricordiamoci sono quelle da tutelare insieme ai tutor, tale ansia dei disabili è stata manifestata, con insistenza durante le assemblee di bilancio svoltesi nel mese di aprile 2020. Ulteriore incongruenza è che Sintesi gestirebbe formazione professionale con il personale in forza. Il codice Adeco è 82.20.00 ovvero gestione call center, i lavoratori Sintesi tutti assunti a tempo indeterminato svolgono le stesse attività in tutti i siti dei loro competitor, tra cui si possono annoverare: Gruppo Abramo, Comdata, Almaviva ecc.. Sintesi non svolge l’attività di formazione professionale, ma inserimento lavorativo di soggetti con disabilità ai sensi della legge 381/91 lett. B.

Ritengo che negli anni insieme a Wind abbiamo costruito un grande e meraviglioso progetto d’inclusione lavorativa di persone che altrimenti sarebbero state escluse dal mercato del lavoro e quindi private del diritto ad una vita dignitosa , e questo patrimonio culturale e di responsabilità sociale non può e non deve essere disperso, poiché nessuno va lasciato indietro in una società che voglia definirsi civile, ed è  compito delle imprese come Windtre essere parte attiva nella risposta sui territori così come avvenuto dal 2006 insieme a Sintesi. 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento