Domenica, 13 Giugno 2021
Economia

Call center, 4U replica ai sindacati: "Mobilità causata da riduzione della domanda"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Riceviamo e pubblichiamo:

Relativamente all'articolo comparso sul sito PalermoToday lo scorso 21 aprile 2015 dal titolo “Call center, caso 4U: "Fare presto, 175 operatori stanno perdendo il lavoro". L’articolo riporta un commento del Segretario della Fistel Cisl di Palermo-Trapani, Francesco Assisi, contenente delle inesattezze riguardanti il difficile momento che 4U Servizi si trova ad affrontare. Assisi, infatti, dichiara: “Il sistema è sempre quello, si delocalizzano le commesse creando aziende satellite come le scatole cinesi e in questa totale deregolamentazione a pagare sono sempre e solo i lavoratori, come i 175 della 4U”.

Alla luce di queste dichiarazioni, l'azienda replica: “4U Servizi tiene a precisare che, contrariamente a quanto affermato, le procedure di mobilità avviate dalla Società non sono causa di una operazione di delocalizzazione dell’attività ma diretta conseguenza di una riduzione della domanda del 50% circa da parte dei propri clienti negli ultimi tre anni, che ha costretto 4U Servizi a una riorganizzazione del proprio organico. La Società ribadisce che, nonostante anche in passato abbia sempre cercato di limitare il più possibile le ricadute negative di questa crisi e di salvaguardare i livelli occupazionali, purtroppo oggi si vede obbligata a ricorrere alle procedure di mobilità. Resta comunque la volontà di 4U di mantenersi aperta al dialogo con il Governo, con le Istituzioni locali e con le Organizzazioni sindacali per trovare una soluzione in grado di minimizzare l’impatto delle misure in atto”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Call center, 4U replica ai sindacati: "Mobilità causata da riduzione della domanda"

PalermoToday è in caricamento