rotate-mobile
Lunedì, 4 Luglio 2022
Economia

L'appello dei sindacati alla Regione: "Vietare i lavori nei campi nelle ore più calde"

La richiesta arriva dai segretari generali di Fai Cisl-Flai Cgil-Uila Uil Sicilia, dopo la morte di un bracciante per il caldo in Puglia: "Gli operai agricoli sono ad alto rischio, sotto il sole o nelle serre in questi giorni di afa"

"Gli operai agricoli sono ad alto rischio, sotto il sole o nelle serre in questi giorni di caldo e afa. La Regione Siciliana vieti il lavoro tra le 12 e le 16: le ore di temperature più alte, minore ventilazione, maggiore umidità". Lo chiedono i segretari generali di Fai Cisl-Flai Cgil-Uila Uil Sicilia Pierluigi Manca, Tonino Russo e Nino Marino che sollecitano un'ordinanza al presidente della Regione Nello Musumeci e agli assessori al Lavoro, alla Salute e all’Agricoltura Antonio Scavone, Ruggero Razza e Toni Scilla.

"La Regione Puglia - dicono i sindacalisti - ha già assunto questo provvedimento dopo la morte di tre braccianti. Non vorremmo che pure qui si debba aspettare il peggio per intervenire”. 

Fai-Flai-Uila nella nota ricordano come l’Isola sia stata “investita nelle ultime settimane da un'eccezionale ondata di caldo e oppressa dall'afa con temperature estremamente elevate”, quindi sottolineano le minacce alla salute per i lavoratori agricoli esposti “a punte di caldo ben oltre i 40 gradi”. Evidenziati “decessi e gravi malesseri” già verificatisi in Italia, i segretari delle organizzazioni di categoria sollecitano “un'ordinanza con efficacia immediata che vieti l'attività lavorativa nelle ore solari ad altissimo rischio, facendo rilevare come sicurezza e tutela dei lavoratori hanno priorità assoluta e nessuno può esimersi dalle proprie responsabilità”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'appello dei sindacati alla Regione: "Vietare i lavori nei campi nelle ore più calde"

PalermoToday è in caricamento