menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Unesco, pool di professionisti per far volare il brand: "Straordinaria occasione di rilancio"

In azione un gruppo rodato di manager siciliani: "Le nostre competenze a disposizione per la ripresa del territorio, sulla scia del volano Unesco: turismo ed economia, infinite possibilità"

Il riconoscimento del percorso arabo-normanno non è soltanto una medaglia all’occhiello di tre città, ma una straordinaria occasione di rilancio per l’intero territorio. L’importante è saperla sfruttare adeguatamente, al di là dei proclami. Per questo motivo un gruppo rodato di manager siciliani nel campo del marketing, ha deciso di mettere le proprie competenze a disposizione per la ripresa del territorio, sulla scia del volano Unesco. Serve infatti una strategia concreta per sfruttare adeguatamente sia il brand Unesco che le infinite possibilità – in termini di gestione, impatto turistico, ricaduta economica – che esso conduce con sé.

Se ne discuterà lunedì (12 dicembre) dalle 16 a Villa Zito, sede della Fondazione Sicilia: qui il Club Dirigenti Marketing (CDM), pool di professionisti del marketing che da alcuni anni assegna il Premio nazionale per la Pubblicità Agorà, in collaborazione con la Fondazione Patrimonio Unesco Sicilia, organizzano il convegno “Una Cultura per la città. La ripresa dopo il riconoscimento Unesco. I lavori saranno introdotti dal presidente del CDM, Pino Toro. “Vogliamo mettere la nostra professionalità al servizio della città - spiega Toro - pensiamo infatti che un adeguato impatto comunicativo su scala internazionale sia necessario per sfruttare al massimo il valore aggiunto Unesco”. “Il riconoscimento del sito seriale Palermo arabo normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale  - interviene Aurelio Angelini, direttore della Fondazione Patrimonio Unesco Sicilia – offre un’opportunità enorme che richiede uno sforzo e un impegno comune. Unesco non è solo un brand, ma un sistema e una rete che può effettivamente proporsi come il futuro concreto delle città coinvolte”.  

Seguiranno le considerazioni di Giuseppe Lupo, vicepresidente dell’Assemblea Regionale Siciliana; di Anthony Barbagallo, assessore regionale al Turismo; del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, presidente del Comitato di Pilotaggio; del sindaco di Monreale Pietro Capizzi e del sindaco di Cefalù, Rosario Lapunzina. La giornata si chiuderà con una tavola rotonda, coordinata da Antonino Salerno, vicepresidente Confindustria Sicilia, a cui parteciperanno il presidente di Confcommercio Sicilia, Patrizia Di Dio; il sovrintendente del Teatro Massimo, Francesco Giambrone; Toti Piscopo, presidente della sezione Alberghi e Turismo di Confindustria Palermo e Nunzio Reina, presidente di Confartigianato. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento