rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Il vertice / Termini Imerese

Gruppo ucraino vuol far risorgere l'ex Fiat: "Nuova fabbrica e 250 assunzioni"

Alumeta è interessata allo stabilimento, produrrebbe profilati e componenti di alluminio. L'assessore alle Attività produttive Tamajo: "Noi confermiamo lo stanziamento di 70 milioni di euro e lavoreremo affinché il ministero inserisca le risorse necessarie per la reindustrializzazione"

Un gruppo ucraino è pronto a rilevare l'ex stabilimento Fiat di Termini Imerese e nel piano di investimenti prevede 250 assunzioni. E' quanto emerge dal vertice sull'ex Blutec che si è tenuto oggi. 

"I commissari dell’ex Blutec sono pronti a chiedere al ministero per lo Sviluppo economico la pubblicazione del bando per il rilancio dell’area di Termini Imerese. Allo stesso tempo, abbiamo già definito la bozza per il rinnovo dell’Accordo di programma: noi confermiamo lo stanziamento di 70 milioni di euro e lavoreremo affinché il ministero inserisca le risorse necessarie per la reindustrializzazione dell’intera area di Termini Imerese. Inoltre, ho attivato l’Inps affinché assieme ai commissari verifichi le condizioni per accompagnare i lavoratori, che hanno i requisiti, al prepensionamento". Lo afferma l’assessore regionale alle Attività produttive, Edy Tamajo, a seguito del tavolo tecnico che ha riunito oggi.  

Al tavolo hanno partecipato: i tre commissari dell'ex Blutec (Giuseppe Glorioso, Fabrizio Grasso e Andrea Bucarelli), l’assessore regionale al Lavoro, Nuccia Albano, il dirigente del dipartimento Attività produttive, Carmelo Frittitta, il commissario della Zes Sicilia occidentale, Carlo Amenta, il presidente del Polo Meccatronica, Antonello Mineo. Presenti anche i responsabili dell’Inps regionale e i segretari di Fim, Fiom e Uilm. 

"Il prossimo passaggio - aggiunge Tamajo - sarà il tavolo al ministero dello Sviluppo economico. Dobbiamo correre, nei prossimi 15-20 giorni mi attiverò con il Mise per la convocazione dell’incontro. Siamo sul pezzo, continuiamo a lavorare con grande senso di responsabilità per la tutela di tutto il territorio". 

"Ringrazio l’assessore Tamajo per l’invito – sottolinea il commissario Amenta - che dimostra la sua grande attenzione alle relazioni istituzionali e alla necessità del lavoro congiunto su questioni così delicate".

Nel corso del vertice inoltre  "il Polo Meccatronica ha illustrato i dati principali del business plan del gruppo ucraino Alumeta interessato allo stabilimento ex Fiat di Termini Imerese. Abbiamo consegnato i documenti richiesti ai commissari ex Blutec e all’assessore regionale alle Attività Produttive Edy Tamajo. I commissari hanno espresso parere favorevole sulla sostenibilità del progetto e hanno annunciato che chiederanno al Ministero per lo Sviluppo economico la pubblicazione del bando per l’assegnazione dello stabilimento", ha detto il presidente del Polo Meccatronica Mineo.

Mineo ha fornito alcuni dati principali del progetto: 41 milioni di euro per l’investimento iniziale, di cui 27 milioni di capitali propri e 14 di finanziamento bancario. Prevista la realizzazione di una fabbrica di produzione di profilati e componenti di alluminio, con una capacità di 1.100 tonnellate al mese. L’avvio a regime in 24 mesi e assunzioni, nella prima fase, di 250 lavoratori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gruppo ucraino vuol far risorgere l'ex Fiat: "Nuova fabbrica e 250 assunzioni"

PalermoToday è in caricamento