Blutec, Carolina Varchi (Fdi): “Vertenza di rilievo nazionale, chi governa agisca subito”

La parlamentare ha assicurato pieno appoggio a tutte le iniziative del governo nazionale a favore di Blutec

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Soltanto promesse e nessuna soluzione concreta per gli ex operai della Fiat, beffati prima dal governo Renzi e, ultimamente, dal ministro del Lavoro Luigi Di Maio”: è il commento di Carolina Varchi, deputato nazionale di Fratelli d’Italia, in visita questa mattina presso il Comune di Termini Imerese, dove ha incontrato i lavoratori alla presenza del sindaco Francesco Giunta. “Sarò il megafono delle istanze degli ex dipendenti Fiat – assicura la parlamentare – e farò la mia parte chiedendo immediatamente la convocazione di un tavolo tecnico presso il ministero: è un dovere morale nei loro confronti e delle loro famiglie, ingannati dalla passerella e dalle rassicurazioni di Di Maio che lo scorso 26 novembre, davanti ai cancelli di Blutec, aveva annunciato un impegno che non si è mai concretizzato”. La parlamentare, pur stigmatizzando il comportamento del titolare del Lavoro e dei Cinque Stelle, promette “appoggio a tutte le azioni che il governo Conte vorrà intraprendere per la salvaguardia occupazionale dei lavoratori, che aspettano da troppo tempo”. “La politica non può rimanere silente - conclude – dinanzi a una vicenda che non è solo territoriale ma ha una portata nazionale: Fratelli d’Italia favorirà tutte le iniziative a supporto di Blutec e chi al momento è al timone del Paese ha il dovere di affrontare e risolvere questa drammatica vertenza”.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento