rotate-mobile
Cantieri Navali

Bacino del porto, Fiom: "Opere al via tra giugno e luglio, lavoro per centinaia di operai edili"

Il rifacimento della struttura, per i quali sono stati sbloccati 81 milioni di euro, consentirà a Fincantieri di costruire intere navi da crociera. Il sindacato: "Dopo più di 40 anni di attese, inizieranno interventi che consentiranno di potenziare, anche dal punto di vista occupazionale, il futuro dello stabilimento"

I lavori al bacino da 150 mila tonnellate del porto di Palermo inizieranno tra giugno e luglio. E dureranno circa due anni. Della partenza del cantiere per il completamento dell’opera, ferma dal 1982, necessaria per il rilancio del settore delle costruzioni navali, si è discusso ieri durante un incontro tra la Fiom Cgil Palermo, la Fiom Cgil nazionale e il presidente dell’Autorità di sistema portuale del mare di Sicilia occidentale Pasqualino Monti.    

Nel dicembre scorso, l’Autorità di sistema portuale ha annunciato lo sblocco di 81 milioni di euro per il rifacimento del bacino di carenaggio, che consentirà a Fincantieri di costruire intere navi da crociera. "Abbiamo chiesto quest’incontro per conoscere lo stato dell’arte sull’inizio dei lavori. E il presidente Monti ci ha rassicurato che tra quattro mesi al massimo l’opera, di cui è già pronto il progetto esecutivo, sarà cantierabile", dichiarano dalla Fiom Cgil.       

La Fiom per anni ha insistito con iniziative, proposte e rivendicazioni sulla necessità di sbloccare la ristrutturazione dell’opera, "per riaccendere una possibilità di sviluppo del cantiere navale". Richiesta reiterata con forza all’iniziativa della Fiom ‘Parla il Cantiere’ del 3 luglio 2018, davanti a Maurizio Landini, Pasqualino Monti e all’ad di Fincantieri Giuseppe Bono. Da allora, con il pressing continuo della Fiom, si è messo in moto un iter che ha portato a questo risultato.        

“Per noi si tratta di un risultato importante, che è frutto del lavoro fatto in questi anni dall’Autorità Portuale – aggiungono dalla Fiom -.  E finalmente dopo più di 40 anni di attese, inizieranno dei lavori che consentiranno di potenziare e rendere più solido, anche dal punto di vista occupazionale, il futuro dello stabilimento. La mission della costruzione navale, che si aggiungerà alle altre due mission delle riparazioni e trasformazioni navali, restituirà al cantiere di Palermo un ruolo di punta tra le sedi italiane di Fincantieri".

Per completare e rendere operativo il bacino, occorreranno opere murarie e tutti i servizi da realizzare, sistemi di pompe, gru, impianti idrici ed elettrici. Un’infrastruttura che, oltre a essere strategica per il futuro del cantiere e delle costruzioni navali, darà immediato lavoro a centinaia di operai edili.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bacino del porto, Fiom: "Opere al via tra giugno e luglio, lavoro per centinaia di operai edili"

PalermoToday è in caricamento