Economia

"Azienda di Fincantieri si oppone al ritorno al lavoro di un operaio dopo periodo di malattia"

La denuncia del sindacato Fiom: "Atteggiamento discriminatorio. Chiediamo il reintegro immediato". Protagonista della vicenda un lavoratore che da 11 anni è alla Doro Maris

"Rientra al lavoro dopo un periodo di  malattia e l'azienda non lo riammette. E' accaduto a un lavoratore da 11 anni dipendente della Doro Maris, azienda dell'indotto Fincantieri che svolge operazioni di meccanica navale, trasformazioni e aggiustamenti di navi". A denunciarlo è la Fiom Cgil Palermo, che interviene duramente nei confronti dell'azienda, con sede all'Arenella, "che continua a rifiutare al lavoratore il ritorno al suo posto". Una situazione che va avanti  da un mese, da quando il lavoratore ha terminato il periodo di malattia ed è rientrato in azienda.

"Il lavoratore – spiega Francesco Foti, della Fiom Cgil Palermo - è stato assente per 4 mesi per una grave malattia, per la quale  ha dovuto sottomettersi a cure specifiche  e a una terapia riabilitativa. Al rientro, il lavoratore ha passato positivamente la visita medica in  azienda ed è stato ritenuto idoneo alle mansioni svolte in precedenza  con alcune limitazioni da osservare. Nonostante questo e le nostre richieste via Pec, rimaste senza risposta,  oggi a un mese di distanza  l'azienda non fa rientrare l'operaio al lavoro".

"Continuare a tenere  il lavoratore fuori dal processo produttivo lo  riteniamo un comportamento che viola le leggi e la mancata riammissione al lavoro un'azione  discriminatoria, che condanniamo fortemente   – continua Foti -  L'operaio si è rivolto alla Fiom per essere tutelato e abbiamo appreso che la ditta non gli riconosce nemmeno il welfare contrattuale dal 2017 a oggi né l'applicazione della sanità integrativa e di altri istituti previsti dal contratto, che chiediamo gli vengano  riconosciuti.  Ma anche su questi aspetti l'azienda non ha risposto". 

"Chiederemo alla stazione appaltante, Fincantieri, di intervenire nei confronti dell'azienda – aggiunge Francesco Foti della Fiom Palermo - Interesseremo del caso gli organi competenti affinché il lavoratore torni a occupare il  suo posto  a lavorare al porto, sulle  navi o a svolgere lavoro d'officina. Ribadiamo la nostra richiesta di reintegro immediato, con la retribuzione del salario anche per il periodo in cui l'azienda non ha ritenuto di doverlo riammettere".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Azienda di Fincantieri si oppone al ritorno al lavoro di un operaio dopo periodo di malattia"

PalermoToday è in caricamento