Economia

Porto, appalto da 22 milioni per lo sviluppo di infrastrutture energetiche e reti dati: via ai lavori

Ne danno notizia i rappresentanti sindacali di Cgil, Fiom e Filt, che parlano di "un fatto altamente positivo, che conferma le potenzialità del porto e il lavoro del presidente dell'Authority per il rilancio e la riqualificazione dello scalo marittimo"

L'Autorità portuale ha dato avvio ai lavori per lo sviluppo delle infrastrutture energetiche e delle reti dati in chiave Smart Port per le aree dei porti di Palermo, Trapani, Termini Imerese e Porto Empedocle. Un appalto di oltre 22 milioni, affidato al gruppo Free, leader del settore, Rti composta da Energy Saving ed Energia. 

Ne danno notizia il segretario generale Cgil Palermo Mario Ridulfo, il segretario generale Fiom Cgil Palermo Angela Biondi e Francesco Foti, della Fiom Palermo e il segretario Filt Cgil Franco Spanò, che parlano di "un fatto altamente positivo, che conferma le potenzialità del porto palermitano e il lavoro che il presidente dell'Autorità portuale sta svolgendo, in direzione del progetto strategico di rilancio e di riqualificazione dello scalo marittimo. Un lavoro incisivo, che ha già prodotto evidenti risultati, trasformando il volto del porto e restituendo dignità a chi ci lavora, e che riteniamo debba continuare con la riconferma del presidente".

"Ferma restando l'individuazione del commissario per la Zes – aggiungono i rappresentanti sindacali Ridulfo, Biondi, Foti e Spanò  – crediamo che valorizzare l'esperienza in questi anni maturata dall'Autorità Portuale con la presidenza di Monti sia un fatto importante".  

Accelerare gli impegni da tempo presi per gli interventi infrastrutturali per le aree industriali e portuali, che  possono portare sviluppo e occupazione, è quanto chiede alla Regione anche Francesco Lucchesi, responsabile per la Cgil Sicilia delle politiche economiche, infrastrutturali, trasporti e Zes: "Bisogna accelerare il processo di istituzione delle Zes in Sicilia. Il decollo delle Zes,  con i benefici economici che contengono, tra i quali incentivi fiscali come il credito d'imposta, è fondamentale per dare impulso allo sviluppo economico e favorire l'insediamento di nuove imprese".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto, appalto da 22 milioni per lo sviluppo di infrastrutture energetiche e reti dati: via ai lavori

PalermoToday è in caricamento