rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Economia

Allo Smau di Milano premiata l'app palermitana che rivoluziona lo shopping online

Il riconoscimento per l'innovazione nella capitale della tecnologia alla "Dgcal" di Gianluca Calafiore per "MiPaghi". L'applicazione consente di semplificare la vendita in rete anche a chi non ha un sito dedicato, partendo da semplici fotografie salvate sul cellulare o sui social network

Un'azienda palermitana premiata per l'innovazione nella capitale della tecnologia, Milano, e durante l'appuntamento di riferimento per il settore, lo Smau. La "Dgcal", con sede in viale Regione Siciliana, ha infatti ricevuto il riconoscimento per l'app "MiPaghi" che consente la vendita online anche a chi non ha un (molto più costoso) e-commerce, cioè un sito dedicato a questo scopo. In pratica, la piattaforma digitale consente di fare acquisti e creare carrelli virtuali partendo semplicemente da fotografie (o gallerie di immagini) salvate sullo smartphone o sui social network da girare ai propri clienti che, a loro volta, ricevono poi un link per il pagamento (per mail o sms) e possono procedere secondo i canali tradizionali e in tutta sicurezza.

L'idea della ditta palermitana di Gianluca Calafiore è nata durante la pandemia, quando le vendite online sono diventate una necessità per via delle restrizioni contro il Covid. Non solo offre una possibilità economica e semplice per le aziende anche molto piccole, ma consente di mantenere un contatto diretto con il cliente, di seguirlo e "coccolarlo" virtualmente, proprio come se fosse fisicamente in negozio.

"Siamo particolarmente orgogliosi per questo premio - dice Calafiore a PalermoToday - soprattutto perché un'innovazione pensata e realizzata al Sud, e nello specifico a Palermo, ha trovato un riscontro importante al Nord: normalmente il percorso è esattamente inverso. Anche nel nome della app abbiamo voluto in qualche modo rimarcare quest'aspetto, richiamando Milano col 'Mi'e Palermo col 'Pa'". L'azienda premiata è arrivata allo Smau grazie alla Regione, che l'ha selezionata assieme ad altre 14 per partecipare gratuitamente all'evento.

Non a caso l'app "MiPaghi" è stata adottata da "LaTenda", storica insegna di abbigliamento femminile, con boutiques nel quadrilatero della moda a Milano, che propone capi di alta qualità selezionati tra i marchi più prestigiosi. E che punta su un tipo di shopping emozionale e suggestivo, in cui il contatto con i clienti è dunque fondamentale e si avvale di personal shopper. Con i vari lockdown questa dimensione è stata inevitabilmente azzerata.

L'impasse è stata superata proprio grazie a "MiPaghi", come ha raccontato l'ad di "LaTenda", Federico Manuel Rosada, allo Smau perché risponde alla "esigenza concreta di inviare alle clienti immagini e foto dei prodotti non attraverso un semplice e-commerce, ma rendendo speciale lo shopping a distanza con l'intervento dell'assistente in boutique".

Come spiega Calafiore "in molti casi la nostra app viene utilizzata da aziende che hanno già l'e-commerce, come 'LaTenda', ma che appunto con questa soluzione riescono ad assecondare ancora meglio le esigenze dei loro clienti". "MiPaghi" può essere utilizzata in tutti gli ambiti: "Qualcuno allo Smau ci ha chiesto di utilizzarla per vendere corsi di formazione, per esempio, ma potrebbe essere usata anche da supermercati, farmacie, dalla piccola bottega sotto casa, nei momenti in cui il cliente vuole evitare la fila, per esempio".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allo Smau di Milano premiata l'app palermitana che rivoluziona lo shopping online

PalermoToday è in caricamento