La rivincita dell'artigianato, dalla Regione un milione per avviare le scuole degli antichi mestieri

A beneficiare dei finanziamenti saranno 19 Comuni siciliani. Definita la graduatoria dei progetti presentati. Il governatore Musumeci: "Bisogna restituire valore al lavoro manuale la stessa dignità delle altre professioni"

Fabio Ballistreri, artigiano orafo di Gangi

Diciannove Comuni siciliani potranno avviare scuole degli antichi mestieri e delle tradizioni popolari grazie a un finanziamento di quasi un milione di euro concesso dalla Regione. L'assessorato dei Beni culturali e dell’Identità siciliana ha infatti definito la graduatoria dei progetti presentati - come previsto dalla Legge di stabilità del 2018 - per l'acquisto di arredi, attrezzature, per spese di avviamento e promozione. In provincia di Palermo l'iniziativa riguarda Ficarazzi, Lercara Friddi e Valledolmo.

"E' un primo segnale - evidenzia il governatore Nello Musumeci - che intende coltivare la memoria storica di un territorio, le radici di una regione e di una comunità. Ma anche per restituire valore al lavoro manuale, che ha la stessa dignità delle altre professioni. Con l'occasione contribuiamo anche al salvataggio delle vecchie botteghe artigiane che ormai stanno scomparendo". I settori individuati appartengono alle tradizioni delle attività: agricole, maestri d’ascia, musica,  folclore, cantastorie, lavorazione della pietra, costruzione di carretti siciliani, artigianato, realizzazione di barche tradizionali, cultura marinaresca, canti popolari, cucina, pupi siciliani. Entro fine mese saranno erogate le prime anticipazioni delle somme, nella misura dell’80 per cento del totale finanziato. Il saldo nel prossimo anno.

"Da parte del governo - conclude l’assessore dei Beni culturali Sebastiano Tusa - c'è grande attenzione per gli antichi mestieri e il recupero delle nostre tradizioni. Un settore che negli ultimi anni è stato dimenticato o talvolta, ingiustamente, relegato a fenomeno marginale e lontano dalla sua dimensione culturale. E’ una delle azioni del governo Musumeci che possono ridare la giusta dignità a memorie della nostra terra che rischiano di scomparire definitivamente, cancellando l’identità di un intero popolo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo protagonista, prevista "tempesta violenta": diramata allerta meteo gialla

  • La lettera: "Silvana Saguto ci hai tolto tutto, tu mangiavi sempre al ristorante e noi un pezzo di pane"

  • Folle serata allo Sperone, litiga con la moglie per i Sofficini e viene arrestato

  • L'arancina più buona a Palermo, gara alla vigilia di Santa Lucia: vince il Bar Matranga

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

  • Un colpo di pistola in aria e poi l'assalto al portavalori, rapina da 65 mila euro a Bagheria

Torna su
PalermoToday è in caricamento