Angi e Regione Siciliana insieme per i giovani e l'innovazione

ANGI – Associazione Nazionale Giovani Innovatori e Regione Siciliana - Assessorato all’istruzione e formazione, hanno sottoscritto un importante collaborazione strategica per sostenere la cultura dell’innovazione e della digitalizzazione nell’isola.

L’Associazione Nazionale Giovani Innovatori – ANGI, rappresentata dal Presidente Gabriele Ferrieri, e dal membro del consiglio di presidenza Nunzio Panzarella, ha stipulato – ospitati amichevolmente nella sede di Sicindustria Palermo – un importante protocollo d’intesa con la Regione Siciliana - Assessorato all’istruzione e formazione, rappresentatoall’On. Roberto Lagalla, Assessore Regionale all’istruzione e alla formazione professionale di Regione Sicilia (nonché deputato del 17esima legislature dell’Assemblea regionale Siciliana) che mira alla collaborazione nei settori dell’innovazione e della ricerca, finalizzati alla promozione del mondo innovazione in ognuna delle sue forme, con la realizzazione di un programma di azioni coordinate per l’innovazione e la digitalizzazione delle stesse a sostegno del mezzogiorno.

Tra i numerosi obiettivi quelli di sviluppare le competenze digitali dei giovani e creare terreno fertile per la nascita di nuova imprenditoria giovanile di stampo innovativo, dialogare con tutti gli hub dell’innovazione, enti di ricerca, enti scientifici e tecnologici e partecipare insieme ai bandi europei per la creazione di veri e propri poli dell’innovazione sul territorio siciliano.

L’accordo inoltre pone le basi per una collaborazione anche istituzionale rivolta al supporto di una serie di progetti e iniziative che promuovano lo sviluppo sostenibile dell'area.

Un accordo che porterà grandi benefici in termini di supporto alle imprese e alle startup del Mezzogiorno, sviluppo Sostenibile nell’ambito del New Green DealEuropeo, digitalizzazione delle PMI del Sud, diffusione della cultura dell’innovazione nelle Pubbliche amministrazioni, supporto a progetti di partenariato pubblico-privato, sviluppo di nuove iniziative per superare il digital devide, mettendo a disposizione il proprio know how tecnico amministrativo, e servizi di consulenza gestionale, legale e informatica.

“ANGI ha aderito con grande entusiasmo a questa collaborazione strategica che persegue la nostra mission sul fronte innovazione e sposa perfettamente uno dei punti cardini per il 2020/2021 dell’ANGI in merito allo sviluppo di progettualità nel mezzogiorno con l’obiettivo di dare voce alle eccellenze e ai giovani innovatori del sud e allo stesso tempo valorizzare il territorio portando avanti lo sviluppo delle competenze digitali e della classe imprenditoriale giovanile di stampo innovativo. Un grazie particolare all’Assessore Lagalla per la sua sensibilità, al nostro team per il suo lavoro e a tutte le entità locali che hanno creduto in ANGI“ - così il Presidente dell’ANGI, Gabriele Ferrieri.

"Personalmente voglio ringraziare l'amico Ferrieri per sostenere ANGI nel suo processo di crescita nel Meridione. Infine, voglio sottolineare la sensibilità politica mostrata sul tema innovazione dal Prof. Lagalla, da ex rettore e profondo conoscitore dei giovani. Il quale, sin dal primo incontro, è stato ben lieto di sposare l'idea, attivandosi prontamente. Questo lo affermo per dire che i politici non sono tutti uguali: ce ne sono ancora di quelli che hanno uno sguardo lungimirante e che agiscono velocemente. Il Prof. Lagalla è sicuramente uno di questi e il progetto di portare un hub europeo dell'innovazione a Palermo ne è testimone!” - commenta il membro del consiglio di presidenza ANGI Nunzio Panzarella.

“Il percorso di istruzione e di formazione professionale dei giovani è strettamente connesso al concetto di innovazione, è infatti necessario tenere conto delle sfide possibili e dello sviluppo di competenze trasversali che trovano nello strumento digitale il più importante elemento di interpretazione delle nuove modalità di lavoro. Questo protocollo d’intesa sarà certamente un’occasione per lavorare sinergicamente verso la creazione di nuove opportunità formative e lavorative per il nostro territorio, in accordo con i nuovi processi di smart working e soprattutto di south working, che creano efficaci ponti virtuali tra il Nord e il Sud del Paese” - conclude l’assessore regionale all’istruzione e alla formazione professionale, Roberto Lagalla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: in Sicilia negozi chiusi la domenica e nei festivi

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Tamponi nelle scuole, l'Asp rende noto il calendario: ecco gli istituti coinvolti

  • Incidente al drive in della Fiera, malore dopo il tampone: marito e moglie con auto contro il muro

Torna su
PalermoToday è in caricamento