Anello ferroviario, Confcommercio: "Valutiamo se chiedere il risarcimento danni"

Il presidente Patrizia Di Dio ha inviato una lettera di diffida - che è anche una formale richiesta di accesso agli atti e alla documentazione - al Comune, a Rete ferroviaria italiana e Italferr

Confcommercio sta valutando la possibilità di chiedere un risarcimento economico per le attività "danneggiate dalla ritardata conclusione dei lavori per l’anello ferroviario".  Il presidente Patrizia Di Dio ha inviato una lettera di diffida - che è anche una formale richiesta di accesso agli atti e alla documentazione - al Comune, a Rete ferroviaria italiana e Italferr.  Una richiesta che servirà per "valutare eventuali iniziative nei confronti dei soggetti responsabili dei ritardi, in modo da chiedere il risarcimento dei danni alle attività imprenditoriali cittadine".

Nella missiva il presidente Patrizia Di Dio ricorda che il termine ultimo per l’ultimazione dei lavori era stato fissato in 855 giorni dalla data di consegna, dopo che nel settembre 2009 Italferr, in nome e per conto di Rfi, ha proceduto all’aggiudicazione definitiva in favore di Tecnis dell’appalto per la progettazione esecutiva e la realizzazione della prima fase funzionale della chiusura dell'anello ferroviario di Palermo, in sotterraneo, nel tratto di linea tra la stazione di Palermo Notarbartolo e la fermata Giachery e proseguimento fino alla fermata Politeama.
 
“Ormai è noto a tutti – dice Di Dio – che il termine ultimo dei lavori è stato ampiamente disatteso e questo ritardo ha prodotto gravi conseguenze non solo patrimoniali agli imprenditori palermitani che rappresentiamo, in particolar modo a coloro che operano nelle aree interessate dai cantieri e in quelle limitrofe, i quali tuttora versano in una situazione di grave incertezza rispetto ai tempi necessari per la normale ripresa delle loro attività. Non comprendiamo – aggiunge Di Dio - inoltre come mai ancora si continua a cedere aree di apertura cantiere alla luce di quanto è accaduto e sta accadendo.  Esigiamo garanzie sul prosieguo dei lavori, in caso contrario il ripristino dello stato dei luoghi. Vogliamo, infine sapere chi è responsabile degli ulteriori ritardi, rispetto all’ultimo cronoprogramma pubblicato sul sito del Comune di Palermo, secondo il quale il completamento dei lavori è fissato nel mese di giugno 2018; e soprattutto chi deve pagare per questo insostenibile ritardo. Perché non è accettabile che si dica semplicemente 'scusate, abbiamo scherzato'. Non si accettano più scuse – conclude Patrizia Di Dio - occorre che i soggetti che hanno responsabilità concludano le opere al più presto e paghino per i danni arrecati alla comunità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, gli spostamenti della turista bergamasca: "Ha girato per Palermo, indagini su dove è stata"

  • Coronavirus, primo caso a Palermo: turista di Bergamo è positiva

  • Rissa fuori dalla discoteca, ragazzo di 21 anni muore accoltellato a Terrasini

  • Coronavirus a Palermo, i contagiati tra i turisti bergamaschi salgono a tre

  • Coronavirus, Musumeci: "Sospensione lezioni nelle scuole di Palermo e provincia"

  • Incidente in autostrada a Tommaso Natale, morto un automobilista

Torna su
PalermoToday è in caricamento