Economia

Anello ferroviario, cantieri fermi e operai senza stipendio da cinque mesi

A Palermo arriva il viceministro allo Sviluppo economico Teresa Bellanova, si spera nella svolta. I sindacati: "Solo 12 operai al lavoro, clausola sociale per tutti"

Cantieri fermi e operai senza stipendio da cinque mesi. Resta critica la situazione in cui versa il cantiere dell'anello ferroviario di Palermo. "Non sono stati rinnovati i nove contratti a tempo determinato e altri sette scadranno proprio domani, venerdì 30 giugno. Al lavoro, quindi, saranno presenti solo 12 operai, troppo pochi per garantire una ripresa vera delle attività" afferma la Feneal Uil Palermo che chiederà al viceministro Teresa Bellanova, in città il prossimo 3 luglio, "la garanzia dell'applicazione della clausola sociale per tutti i lavoratori qualora l'attuale amministratore straordinario decidesse di cedere il ramo d'azienda".

A preoccupare il sindacato è anche "l'incertezza sul prosieguo del cantiere. A giugno - afferma Ignazio Baudo della Feneal Uil Palermo - la produttività è calata ai minimi termini e questo incide in modo negativo sull'importo del maturando stato di avanzamento dei lavori. Abbiamo sollecitato l'apertura di un tavolo di confronto con Comune, Rfi, Prefettura e amministratore straordinario proprio per fare chiarezza sulle prospettive future dell'opera e dei livelli occupazionali".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anello ferroviario, cantieri fermi e operai senza stipendio da cinque mesi

PalermoToday è in caricamento