menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Amat, lavoratori senza stipendi da marzo: non rinnovato il contratto degli interinali

Sale la tensione, i Cobas sollecitano l'azienda. In una lettera indirizzata al presidente Antonio Gristina, il coordinatore regionale attacca: "Il management si ostina a difendere scelte scellerate"

Dipendenti dell’Amat senza stipendi, i Cobas sollecitano l’azienda. In una lettera indirizzata al presidente Antonio Gristina, il coordinatore regionale dei Cobas Lavoro Privato settore Trasporti-Tpl, Carlo Cataldi, rende noto il malcontento dei lavoratori che ancora oggi non hanno notizie sugli emolumenti di marzo. “Poiché il presidente Gristina – scrive Cataldi – non ha avuto l’accortezza di informare i lavoratori di tali ritardi, è aumentato il clima di tensione che già serpeggia in azienda. Al fine di rassicurare i lavoratori e le loro famiglie, codesta organizzazione sindacale chiede risposte immediate al riguardo e data certa delle retribuzioni spettanti”.

Retribuzioni che non hanno percepito nemmeno i 20 autisti reclutati tramite un’agenzia di lavoro interinale. “Ad oggi – sottolinea il coordinatore regionale dei Cobas – l’Amat non ha prorogato i contratti di questi lavoratori che, secondo le previsioni, dovevano rimanere in servizio fino a maggio. Lo scorso 29 marzo sono scaduti i contratti, evidentemente non rinnovati perché l’azienda non ha ancora a disposizione le risorse economiche”.

A marzo i Cobas hanno proclamato lo stato d’agitazione dei lavoratori. “Dopo il vertice in prefettura – ricorda Cataldi – abbiamo sospeso lo sciopero. Malgrado la nostra condotta responsabile, l’Amat non ha dato nessuna risposta alle criticità da noi sollevate. Il management si ostina a difendere scelte scellerate che hanno compromesso l’organizzazione del lavoro ed hanno messo a rischio la stessa tenuta economico-finanziaria dell’azienda”.    

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento