rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Economia

Boccata d'ossigeno per Amap: arrivano 20 milioni dalla Banca Europea per gli investimenti

Il finanziamento servirà a coprire il 45% del piano di investimenti da circa 45 milioni della società, per il periodo 2017-2020. Orlando: "E’ la conferma della bontà della scelta strategica della gestione interamente pubblica dell’acqua"

È stato perfezionato a Roma il contratto con cui la Banca Europea per gli investimenti (BEI) ha concesso, a favore dell'Amap, un prestito di 20 milioni di euro per la realizzazione di investimenti nel settore idrico e di trattamento delle acque reflue, nella provincia di Palermo. Il finanziamento servirà a coprire il 45% del piano di investimenti da circa 45 milioni della società, per il periodo 2017-2020. Il prestito rientra nell’ambito del program Loan di Bei, dedicato agli operatori di piccola e media dimensione del settore idrico e beneficia della garanzia concessa dall’Unione Europea, ai sensi del fondo europeo per gli investimenti strategici (“European Fund for Strategic Investments” EFSI).

Il finanziamento ha una durata di 15 anni e consentirà alla società di migliorare servizi, infrastrutture, sistemi fognari e impianti di trattamento delle acque reflue, dei comuni dell'area metropolitana di Palermo. La firma del contratto è avvenuta nella sede italiana della Banca Europea per gli Investimenti. Per la Bei era presente Andrea Tinagli, responsabile della sede italiana, per Amap il presidente, Maria Prestigiacomo ed il vicepresidente Alessandro Di Martino.

“I finanziamenti al settore idrico e di contrasto ai cambiamenti climatici, rappresentano uno dei punti di riferimento dell’attività della Bei: Amap, in particolare, ha saputo cogliere le opportunità offerte dal Programme loan, dedicato agli operatori di piccole e medie dimensioni del settore, presentando un piano di investimenti che, comprende interventi sulla rete idrica e sugli impianti di trattamento delle acque reflue, nella Provincia di Palermo”, ha commentato Andrea Tinagli.

Da parte sua Prestigiacomo ha sottolineato che: “Questo prestito certifica la fiducia riposta dalla Bei sui progetti di Amap per il territorio di Palermo e provincia. Siamo una azienda pubblica impegnata in un percorso di crescita che, ci ha portati a incrementare le capacità di realizzare investimenti con ritorni positivi per l’intera comunità. La concessione del finanziamento dimostra la validità e l’affidabilità dei nostri progetti, nell’attuare un programma pluriennale di opere infrastrutturali nel territorio di nostra competenza. L’operazione è stata condotta con il supporto e la consulenza di Ethica & Mittel Debt  Advisory Srl”.

Per il sindaco Orlando "E’ la conferma della bontà della scelta strategica del Comune di Palermo, per la gestione interamente pubblica dell’acqua che ha consentito, grazie all’impegno dell’Amap e dei 34 comuni dell’area palermitana, aderenti alla compagine sociale, di realizzare con quasi un milione di utenti, il più grande gestore pubblico di acqua in Italia, dopo l’acquedotto pugliese che serve però una intera Regione. Si conferma possibile e vincente coniugare difesa dell'acqua come bene comune pubblico insieme a competitività e qualità aziendali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boccata d'ossigeno per Amap: arrivano 20 milioni dalla Banca Europea per gli investimenti

PalermoToday è in caricamento