menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto archivio)

(foto archivio)

Almaviva, doccia fredda dall’Inps: stop ai contratti di solidarietà

A seguito di una serie di accertamenti l'azienda non sarà più catalogata nel settore industria, bensì in quello del terziario. Una mossa che bloccherebbe l’utilizzo di ciò che, sino a oggi, era stato l’antidoto ai licenziamenti. Sel: “Abbiamo pronto un disegno di legge contro le delocalizzazioni”

Torna l’incubo dei licenziamenti per i lavoratori di Almaviva. Ieri l’istituto previdenziale nazionale dell’Inps ha dato lo stop, già a partire da dicembre, ai contratti di solidarietà che tra Palermo e Catania interessano circa cinquemila lavoratori. Il tutto poiché, a seguito di accertamenti ispettivi, è stata effettuata una variazione relativa all’azienda, non catalogata più nel settore industria, bensì in quello del terziario “corrispondente alla effettiva natura dell'attività svolta nell'ambito dei servizi”.

Alla luce di questa variazione non sarebbe più possibile sfruttare i contratti di solidarietà, utilizzati in questi anni come antidoto ai licenziamenti. Una doccia fredda per i lavoratori del più grande call center siciliano, che adesso temono l’arrivo delle lettere di licenziamento. "E’ una situazione gravissima – commentano Simone Di Trapani, segretario provinciale di Sel Palermo, ed Erasmo Palazzotto, deputato di Sinistra Italiana – che rischia di sfociare nel licenziamento di gran parte degli operatori del call center. E’ un provvedimento che avrà conseguenze non solo su Almaviva, ma anche sulle centinaia di call center che in Sicilia, come in tutta Italia, fanno ricorso ai contratti di solidarietà per evitare gli esuberi".

Nell’Isola quello dei call center è il primo settore produttivo, che dà lavoro a oltre 20 mila persone, 10 mila nella sola Palermo. "E' necessario che l’azienda metta in moto politiche economiche per rilanciare i due siti siciliani, che hanno tutte le carte in regola per diventare produttivi e fare a meno di questo ammortizzatore sociale – continuano Di Trapani e Palazzotto – allo stesso tempo serve una deroga da parte di Inps e governo nazionale al provvedimento e un intervento deciso dell’esecutivo sul settore del call center: l’approvazione di una norma che impedisca le delocalizzazioni delle commesse, su cui già esiste un disegno di legge depositato da Sinistra Italiana in parlamento, oltre che un provvedimento che permetta di salvare i lavoratori Almaviva ed evitare che, a cascata, siano privati del contratto di solidarietà tutti gli operatori dei call center del paese".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento