Giovedì, 29 Luglio 2021
Economia

"Almaviva, quell'accordo sottrae soldi alle tasche dei lavoratori palermitani"

Botta e risposta tra le sigle sindacali sulla vertenza infinita. La Slc Cgil: "L’accordo di proroga del costo del lavoro siglato martedì non ha nessuna utilità per la risoluzione dei problemi del sito di Palermo"

“Apprendiamo da una nota alla stampa dell’organizzazione sindacale Ugl di  una fantasiosa interpretazione della mancata firma all’accordo della Slc Cgil martedì all’assessorato regionale durante il confronto con Almaviva”. Inizia così la lettera di risposta all’Ugl scritta dalla segreteria provinciale Slc Cgil e dalla Rsu Slc Cgil di Almaviva. “Non riusciamo a capire come una organizzazione sindacale possa schierarsi con così tanta determinazione nella difesa di un accordo che sottrae altri soldi alle tasche dei lavoratori, senza alcuna prospettiva a supporto - prosegue la nota -. Forse per loro altri mesi di Tfr e di scatti di anzianità sono poca cosa ma per moltissimi lavoratori di Almaviva possono condizionare scelte di primaria importanza in ambito familiare”. “L’accordo del 23 maggio 2017, firmato da tutte le organizzazioni sindacali, prevedeva una durata triennale con un piano di rilancio a fronte di un solo anno di sacrifici economici.  La Slc Cgil ha sempre sostenuto quell’accordo perché conteneva tutti gli strumenti per provare a uscire dalla crisi ma l’accordo di proroga del costo del lavoro siglato martedì, ribadiamo, non ha nessuna utilità per la risoluzione dei problemi del sito di Palermo”.

Slc Cgil smentisce in maniera categorica aperture di trattativa al tavolo di ieri sul tema dell’Art.4 della Legge 300 del 1970 (Statuto dei lavoratori). “Abbiamo sempre sostenuto che fosse argomento delicato e di discussione su di un tavolo nazionale e forte potere contrattuale nella fase di rinnovo delle TLC.

Al tavolo di martedì, la Slc Cgil  si è dimostrata disponibile, come già avvenuto in passato, a discutere del punto 2 dell’accordo del 23 maggio 2017 (Qualità e produttività) che prevede diverse sfaccettature e diverse possibili soluzioni, anche con l’impegno sia aziendale con una nuova organizzazione del lavoro, sia da parte della Regione che potrebbe finanziare percorsi di formazione e riqualificazione. Tutto ciò, non si traduce in automatico con un controllo a distanza del lavoratore”. “Appare strano e pretestuoso pertanto - aggiunge l’Slc - che Ugl  abbia dato una sua personale interpretazione quando la nostra posizione in questa vertenza è stata ben chiara da sempre, ovvero rispetto dell’accordo triennale. Ci duole constatare che lo stesso non si possa dire di altri che in piena campagna elettorale per il rinnovo Rsu hanno assunto posizioni ambigue per poi smentirsi a distanza di 20 giorni e sbandierato vertenze a destra e a manca per contrastare l’operato aziendale. In quanto alle strumentalizzazioni politiche, ribadiamo con fermezza che la Slc Cgil ha accolto favorevolmente l’impegno dell’attuale governo regionale, a differenza del precedente, che ha snobbato per troppo tempo la vertenza Almaviva. L’impegno della Regione però si deve tradurre in azioni concrete per la risoluzione dei problemi, la proroga del taglio sul costo del lavoro per noi non è una strada più percorribile.

“Come abbiamo sempre fatto - conclude la nota- spiegheremo ancor meglio la posizione della Slc già nelle assemblee di lunedì prossimo perché il costante confronto con la base è una delle caratteristiche della nostra organizzazione, caratteristica che si sposa in fatti concreti e non con semplici dichiarazioni alla stampa”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Almaviva, quell'accordo sottrae soldi alle tasche dei lavoratori palermitani"

PalermoToday è in caricamento