rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Economia

Almaviva, Orlando: "Dopo 8 giorni il silenzio assordante di Ita è un'ulteriore provocazione"

Così il sindaco in merito alla vertenza che riguarda in totale 543 operatori palermitani a rischio licenziamento a causa del mancato rispetto della clausola sociale sottoscritta lo scorso ottobre

"La latitanza e il silenzio assordante di Ita e Covisian rappresentano un'ulteriore provocazione al ruolo e alla dignità del governo e ai diritti dei lavoratori". Così il sindaco Leoluca Orlando e l'assessore al Lavoro Giovanna Marano in merito alla vertenza che riguarda in totale 543 operatori palermitani a rischio licenziamento a causa del mancato rispetto della clausola sociale sottoscritta lo scorso ottobre. Si tratta dei 221 dipendenti di Covisian che dal primo maggio verrebbero licenziati dopo il dietrofront di Ita Airways sulla commessa e dei 322 di Almaviva in cassa integrazione a zero ore e che avrebbero dovuto essere riassunti entro il 2023.

"Dopo otto giorni dalla convocazione del tavolo - aggiungono Orlando e Marano - registriamo un preoccupante immobilismo. L'amministrazione comunale esprime piena solidarietà ai 543 lavoratori a rischio licenziamento e ferma critica nei confronti del comportamento di Covisian e di Ita, quest'ultima azienda committente interamente partecipata dello Stato che ha disertato senza alcun preavviso il confronto indetto otto giorni fa dal ministro del Lavoro Andrea Orlando. E non ha garantito il rispetto degli accordi siglati lo scorso ottobre in sede ministeriale che avevano ad oggetto la commessa affidata a Covisian".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Almaviva, Orlando: "Dopo 8 giorni il silenzio assordante di Ita è un'ulteriore provocazione"

PalermoToday è in caricamento