menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una recente manifestazione dei lavoratori Almaviva

Una recente manifestazione dei lavoratori Almaviva

Almaviva, avanti con i licenziamenti: "Equilibrio economico indispensabile"

L'azienda in una nota fa sapere che gli ammortizzatori sociali sono "insufficienti a fronteggiare la situazione di crisi strutturale e la gestione degli esuberi dichiarati"

Poche speranze, nessuna illusione. Almaviva conferma che in mancanza di "soluzioni strutturali" la procedura dei licenziamenti, 1670 solo a Palermo, va avanti. E lo ha fatto oggi pomeriggio, attraverso una nota. "Il piano di riorganizzazione aziendale di AlmavivA Contact - si legge - si è reso indispensabile per la necessità e l’urgenza di riportare l’azienda in condizioni di corretto equilibrio industriale nell’attuale contesto di mercato. Come evidenziato dall’avvio della Procedura, il pluriennale ricorso a strumenti di solidarietà difensiva, che comportano un costo molto rilevante per la Società, non è assolutamente più sufficiente a fronteggiare la situazione di crisi strutturale e la gestione degli esuberi dichiarati".

Dopo il nuovo vertice al Ministero, che si è concluso con un nulla di fatto, l'azienda fa capire che la priorità è la messa in sicurezza dei conti. "Ad oggi - si legge nel comunicato - la valutazione sulla tipologia e sulla durata degli ammortizzatori sociali, la cui disponibilità è stata comunque sottolineata dalla Viceministro dello Sviluppo Economico Bellanova, può essere considerata unicamente in presenza di contestuali proposte dirette ad affrontare nell’immediato ed in modo strutturale l’insostenibile condizione di squilibrio economico di AlmavivA Contact, garantendo la messa in sicurezza dell’Azienda e dei suoi lavoratori".

Le parti restano lontane. Ma si lavora sottotraccia. E forse un po' a sorpresa, è stato convocato un confronto nel tardo pomeriggio. Le parti si sono incontrate al ministero dello Sviluppo economico intorno alle 18.30. Si lavora per riaprire la trattativa e scongiurare i licenziamenti, pronti a partire dal 6 giugno. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento