menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I giudici promuovono la Ztl: "Ok bus e parcheggi, negozi in crisi per altri motivi"

Il Tribunale dà ragione al Comune: "Provvedimento utile e ragionevole, rilevante il risultato dell'indagine sull'inquinamento". Associazioni condannate al pagamento delle spese legali: "Valuteremo se fare appello". Catania: "Ordinanza eccellente"

"L'introduzione della Ztl appare misura utile e ragionevole, né possono ritenersi rilevanti ai fini della sussistenza del pregiudizio grave ed irreparabile i profili dedotti di danno economico". E' quanto si legge nell'ordinanza della terza sezione del Tar - presidente estensore Solvig Cogliani, consiglieri Nicola Maisano e Maria Cappellano - che ha "salvato" il provvedimento anti-smog varato lo scorso 10 ottobre dall'amministrazione Orlando, condannando al pagamento delle spese legali (1.500 euro complessivi in favore di Comune e Amat) le associazioni Bispensiero e Vivo Civile insieme a Confcommercio e Confartigianato.

I motivi per cui i giudici amministrativi hanno rigettato l'istanza cautelare di sospensiva della Ztl vanno ricercati sia nel "potenziamento dei parcheggi d'interscambio" e "del servizio di trasporto" - sufficiente con la riduzione del perimetro dalla Stazione centrale al teatro Massimo - sia nei dati sull'inquinamento prodotti dal Comune lo scorso 29 novembre. "Assume particolare rilievo il risultato dell'indagine sugli agenti inquinanti, per i quali si è calcolata la riduzione dei livelli di concentrazione" sottolinea il Tar, che "non rinviene motivi per discostarsi da quanto già rilevato in ordine all'assenza di periculum in mora in relazione alla asserita compressione della libertà d'iniziativa economica ed al diritto di circolazione statuito dal Cga". Dunque il calo degli affari lamentato dai commercianti non sarebbe per i giudici amministrativi connesso alla Ztl.

Su un altro punto sostenuto in giudizio dai ricorrenti, ovvero la carenza degli autobus Amat, così si esprime il Tar. "Non risulta supportata la non effettività dell'ampliamento/rinnovamento del parco bus", scrive la presidente Cogliani. Per l'avvocato Alessandro Dagnino, che rappresenta le associazioni Bispensiero e Vivo Civile e le associazioni di categoria dei commercianti "si tratta di uno spiraglio lasciato aperto ai ricorrenti". Che però ancora non hanno deciso se appellarsi al Cga. "Dobbiamo fare delle valutazioni - dice Dagnino - non è una decisione che si può prendere a caldo". Secondo il legale, il ricorso di commercianti, associazioni e cittadini "di fatto ha rappresentato un pungolo per il Comune che, non a caso, ha migliorato il provvedimento. Anche se a nostro avviso gli autobus messi in strada dall'Amat non sono sufficienti".

"Avevamo il dovere di presentare ricorso - aggiunge Dagnino - perché in prima battuta la Ztl non andava bene. Faccio notare che i dati sull'inquinamento sono stati presentati dopo il ricorso, così come l'istituzione dei parcheggi".

Soddisfatto, dal canto suo, il Comune. "Voglio ringraziare la mia amministrazione per il lavoro fatto - dice a PalermoToday il sindaco Leoluca Orlando -. La sentenza del tar è la conferma dell'apprezzamento anche istruttorio che questa amministrazione ha fatto. La nostra ragionevolezza, la capacità di trovare un compromesso tra il diritto alla salute e l'esigenza di muoversi è stata premiata. Il Tar credo abbia confermato la bontà della scelta che abbiamo fatto. Occorre un cambio culturale e sulla visione questa amministrazione non farà passi indietro. Palermo tutela la mobilità sostenibile e la salute. La nostra convinzione politica ha trovato conforto nella giustizia. Abbiamo già dato risposte ai commercianti. Il capodanno, anzi i due capodanno in piazza e le altre iniziative sono delle risposte".
 

"Oggi - afferma l'assessore alla Mobilità Giusto Catania - un giudice terzo ha stabilito, con motivazioni che entrano nel merito, che la Ztl è un provvedimento a tutela dell'ambiente e della salute dei cittadini. Un'ordinanza eccellente che supporta in tutto le scelte dell'amministrazione. Viene messo nero su bianco che sono adeguate le misure su parcheggi e trasporto pubblico. Ma soprattutto - conclude Catania - che è diminuito l'inquinamento, i cui livelli sono tenuti sotto costante monitoraggio".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento