Orlando gonfia il petto: "Ztl prima di novembre, quanti insulti ho subìto..."

Il sindaco "festeggia" dopo il verdetto del Cga, che ha dato l'ok alle zone a traffico limitato: "Ora potremo fare quello che riteniamo più opportuno, senza vincoli"

Leoluca Orlando

Le Ztl partiranno prima di novembre. Ad annunciarlo è stato il sindaco Leoluca Orlando. Questa mattina il Cga ha accolto il ricorso presentato dal Comune e dall'Amat contro la decisione del Tar, che aveva "congelato" l'istituzione delle Zone a traffico limitato. E adesso il primo cittadino gonfia il petto. "Abbiamo ottenuto un risultato per il quale ci possiamo permettere il lusso di dimenticare gli insulti personali ricevuti e attacchi e sceneggiate in piazza e meschinerie di cattiva politica - ha commentato Orlando con i cronisti -. Abbiamo avuto il via libera e potremo fare quello che riteniamo più opportuno, ora non abbiamo alcun vincolo".

Orlando ha convocato la Giunta per discutere i prossimi passaggi per l'attuazione della Ztl. Comune e Amat, intanto, dovranno rimettere in moto la macchina organizzativa: sistemare i cartelli e riaprire le procedure di vendita dei pass, 90 euro per i residenti e 100 euro per chi abita fuori dal perimetro Ztl. La metà di chi ha acquistato il tagliando non ha chiesto il rimborso. Forse "fiutando" una vittoria del Comune sul fronte Ztl. E in effetti il "ribaltone" c'è stato. "Il Consiglio di giustizia amministrativa - dice Orlando - ha sbloccato quell'assurda posizione che sembrerebbe non consentire le Ztl a pagamento. A differenza di altre attività, in tutte le città il trasporto urbano, che per definizione è un costo sociale, viene finanziato dai cittadini". 

Vicenda comunque ingarbugliata perché il Cga ha confermato la natura fiscale della Ztl, lasciando la "palla" al Comune che ora andrà avanti sotto la sua responsabilità”. Come ha spiegato l'avvocato tributarista Alessandro Dagnino “il ricorso di Comune e Amat è stato accolto solo sotto il profilo formale, quindi dubitiamo che possa partire subito. Nella sostanza viene confermato il principio che chi inquina paga, anziché il 'chi paga inquini pure'. Per la prima volta in Italia abbiamo dimostrato che questo tipo di Ztl viene considerata una tassa occulta”. Orlando comunque è sicuro: "Partiremo prima di novembre: la pronuncia del Tar fa riferimento a un provvedimento che noi consideriamo morto, faremo un provvedimento seguendo le indicazioni del Cga che tra l'altro coincidono con la nostra volontà politica".

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento