menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Orari più elastici, parcheggi e tariffe ridotte": i commercianti ripensano la Ztl

Ecco come Confartigianato, Confimprese e Cidec chiedono di modificare la Zona a traffico limitato e denunciano: "Il provvedimento sta danneggiando le attività economiche"

Divieti in vigore per meno ore al giorno, tariffe ridotte per i pass giornalieri e possibilità di posteggiare nei cosiddetti "varchi". Sono alcune delle proposte che Confartigianato, Confimprese e Cidec avanzano nell'ottica di modificare la zona a traffico limitato. Idee che verranno consegnate in Prefettura.

Quella dei commercianti è una battaglia portata avanti da mesi con manifestazioni, promozioni per i clienti e scontri anche legali finiti al Tar. "Nella sua forma attuale - denunciano il presidente di Confartigianato Nunzio Reina, il presidente di Confimprese Giovanni Felice e della Cidec Salvo Bivona - il provvedimento sta danneggiando le attività economiche. Si ritiene che possa essere migliorato lasciando invariati i presupposti per un miglioramento della qualità dell’aria e riducendo le difficoltà create".

Ecco le proposte.

GLI ORARI - Al momento la ZTL è prevista dalle 8 alle 20 dal lunedì al venerdì, mentre il sabato dalle 8 alle 13. "Considerato  - dicono i commercianti - che il maggior flusso di traffico coincide con l’apertura e chiusura di scuole ed uffici, proponiamo l’applicazione della Ztl dal lunedì al sabato dalle 6 alle 15".
 
IL PASS GIORNALIERO - "Con l’attuale sistema di pagamento e rilascio dei pass gli utenti, che identifichiamo quali potenziali clienti delle attività che rappresentiamo, riteniamo che dovrebbero essere i commercianti e gli artigiani a potere iscrivere nelle lista bianche giornaliere le auto dei clienti. Proponiamo inoltre che il costo dei pass giornalieri rilasciati dopo le 10 sia di 2 euro".

VARCHI E STRADE "PARCHEGGIO" - L’amministrazione comunale ha aperto alcuni varchi per consentire il raggiungimento di piazze e di parcheggi anche privati. "Proponiamo - scrivono i commercianti - che i varchi individuati e i percorsi che segnaleremo si trasformino in 'strade parcheggio' cosi come previsto dal Pgtu, dove sia possibile parcheggiare almeno da un lato". I commercianti chiedono di inserire nuove "strade parcheggio" attraverso percorsi prestabiliti. Percorso A - Ingresso da corso Vittorio Emanuele lato Foro italico (Porta Felice). Fino all’altezza di Piazzetta delle dogane  doppio senso di marcia. Da piazzetta delle dogane a via porta di Salvo senso unico di marcia in direzione via Roma. Il percorso di ritorno sarà quello di piazza Marina nel tratto immediatamente parallelo a Corso Vittorio. Percorso B - Ingresso da via Lincoln proseguire su via Carlo Raso, via Gaetano Filangeri, via Carlo Botta, via Magione, Via Garibaldi, Corso dei Mille per uscire di nuovo in via Lincoln.  (GUARDA LA MAPPA - Ztl, i percorsi proposti dai commercianti)

MODALITA' DI REGOLAMENTAZIONE DELLA SOSTA - "Nell’attuale configurazione - lamentano Confartigianato, Confimprese e Cidec - i varchi realizzati dall’amministrazione non hanno sortito gli effetti sperati in quanto i posteggi creati finiscono per essere impegnati per l’intera giornata dagli stessi soggetti senza che si realizzi alcun turn over. Come misura di razionalizzazione della sosta, ma anzitutto per ridurre l’utilizzo del mezzo privato per gli spostamenti casa-lavoro e casa-scuola, proponiamo che nelle strade parcheggio sia vietata la sosta dalle 7 alle 10. Come nel parcheggio di piazza Giulio Cesare, nei fatti inibito ai visitatori perché diventa parcheggio di pertinenza della sede della prima circoscrizione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento