rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca

"Mini Ztl", si parte a ottobre: spunta il pagamento differito

Riguarderà l'area tra la Stazione Centrale e il Massimo. La Giunta ha approvato la delibera. Il ticket giornaliero (5 euro) si potrà acquistare entro la mezzanotte del giorno dopo. Non tutti potranno acquistare il pass annuale. Orlando: "Lavoriamo a un cambio culturale"

L’amministrazione comunale trova la quadra sulla Zona a traffico limitato (Ztl), che partirà entro la prima decade di ottobre e riguarderà il centro storico, nell'area compresa tra la Stazione Centrale e piazza Verdi (Massimo). Lo ha stabilito la Giunta in una delibera approvata oggi, che verrà esplicitata in dettaglio con una successiva determina dirigenziale.

Il primo step in vista dell’entrata in vigore della Ztl sarà la vendita dei pass, che scatterà entro il 16 settembre. I residenti con veicoli meno inquinanti (benzina da euro 3 a salire, diesel da euro 4) pagheranno 80 euro il tagliando annuale, 50 euro quello semestrale, 20 euro il mensile e 5 il giornaliero. I residenti con auto inquinanti (da euro 0 a 2 benzina e da euro zero a euro 3 gasolio) invece dovranno versare 90 euro per il pass annuale. Ai non residenti proprietari di auto inquinanti sarà vietato l’accesso alle Ztl. Chi ha un veicolo meno inquinante potrà entrare solo con pass giornaliero, al costo di 5 euro. A meno che non lavori, o abbia un figlio che vada a scuola (fino a 16 anni) o debba sottoporsi a cure sanitarie all’interno della Ztl. In questo caso potrà sottoscrivere un pass annuale.

Auto ibride, gas metano o Gpl avranno tariffe dimezzate, mentre sarà gratuito il transito per le auto elettriche, i ciclomotori e le biciclette. Stangata in vista per autolinee, mezzi pesanti e turistici: 600 euro il pass annuale, 300 euro il semestrale, 120 il mensile e 30 il giornaliero.

I tagliandi annuali si potranno acquistare nella sede Amat di via Borrelli oppure presso le sedi dell’Aci, con cui l’azienda di via Roccazzo ha stipulato un’apposita convenzione. L’amministrazione però consiglia di stipulare gli abbonamenti alla Ztl attraverso la piattaforma informatica predisposta dalla Sispi e accessibile dal sito del Comune. I pass giornalieri invece si potranno acquistare tramite il sito dell’Amat oppure comprando nelle tabaccherie un tagliando con un numero di serie a cui dovrà essere associato il numero di targa. Il codice completo dovrà essere inviato tramite sms. Si potrà pagare entro la mezzanotte del giorno dopo e non necessariamente prima dell’ingresso nella Ztl.

La Ztl sarà in vigore dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 20 e il sabato dalle 8 alle 13. Saranno dieci i varchi d’accesso alla zona a traffico limitato: al momento solo tre sano collegati alla rete elettrica. Le telecamere entreranno in funzione gradualmente: ecco perché i varchi inizialmente saranno presidiati dai vigili urbani. “Stiamo lavorando per un cambio culturale – ha detto il sindaco Leoluca Orlando – dopo l’avvio del tram, del car sharing e del bike sharing, delle pedonalizzazioni, la Ztl rappresenta un ulteriore passo in avanti”. Tutela dell’ambiente e sostenibilità socio-economica sono i cardini del provvedimento che, ha precisato Orlando, “l’amministrazione comunale non ha preso in solitudine, ma ha condiviso con i cittadini. La nostra intenzione è comunque quella di scoraggiare l’uso dell’auto privata per favorire il trasporto pubblico. I primi risultati già ci sono: l’Amat ad agosto ha incrementato il numero degli abbonamenti del 28,6%”. Le fasce sociali più deboli – con un Isee inferiore a 3mila euro all’anno – potranno acquistare un abbonamento Amat a quattro linee di tramo o bus più 101 e 107 al solo costo di emissione, ovvero 15 euro.

La Giunta ha dato mandato all’Amat di presentare un nuovo piano tariffario, tarato soprattutto sulle esigenze delle famiglie. Resta da testare se l’azienda di trasporto pubblico sarà in grado di assicurare un servizio efficiente e una puntualità nella frequenza delle corse. Al momento l’Amat è l’anello debole di tutto il sistema della mobilità cittadina, potendo contare su un parco bus non superiore alle 200 unità. “Il cambiamento culturale che stiamo provando ad innescare – ha sottolineato il primo cittadino – sarà per l’amministrazione uno stimolo a far funzionare meglio l’Amat”.

Con l’entrata in vigore della Ztl, il Comune stima una riduzione della pressione veicolare del 37% nel centro storico e nelle zone limitrofe. “Sono 45mila i veicoli – ha spiegato l’assessore alla Mobilità, Giusto Catania – che giornalmente hanno come destinazione il centro storico. Più le auto dei residenti. Mentre sono 20mila quelli in uscita dal centro storico. Quotidianamente in tutta la città circolano 900mila veicoli”. Contestualmente all’avvio della Ztl sarà firmata un’ordinanza sindacale di revoca delle targhe alterne. “Segno che – ha rimarcato il sindaco Orlando – passiamo da un provvedimento emergenziale ad uno strutturale”. A valutare gli effetti della Ztl sulla qualità dell’aria sarà un monitoraggio che verrà effettuato dall’assessorato comunale all’Ambiente, la Rap e l’Arpa. “La Ztl – ha concluso l’assessore Sergio Marino – prende le mosse dall’esigenza di tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini. Durante il monitoraggio valuteremo se la Ztl migliorerà la qualità dell’aria”.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mini Ztl", si parte a ottobre: spunta il pagamento differito

PalermoToday è in caricamento