Cronaca

Le opposizioni contro la Ztl: "Va sospesa fino a dicembre, danneggia la ripresa"

Le limitazioni al traffico ripartiranno il primo giugno, ma giovedì è stata votata una mozione che ne prevede il blocco per il resto dell'anno: "Non dare seguito a questo provvedimento è un atto di arroganza politica che rischia anche di gettare nel caos la circolazione, già difficile per via di numerosi cantieri"

"Il sindaco e la sua Giunta non possono ignorare la volontà del consiglio comunale e, quindi, della città: la Ztl va sospesa subito fino al 31 dicembre. La mozione votata a stragrande maggioranza giovedì scorso è chiara e non può essere considerata carta straccia dall'amministrazione comunale, riattivare la Ztl dal primo giugno sarebbe non solo un atto di arroganza politica, ma anche di totale irresponsabilità nei confronti dei palermitani". Le opposizioni in Consiglio intervengono contro la decisione di riattivare la Zona a traffico limitato, prevista per martedì prossimo.

In una nota congiunta Dario Chinnici (Iv), Ugo Forello (Oso), Alessandro Anello (Lega), Fabrizio Ferrandelli (+Europa), Andrea Mineo e Marianna Caronia (Forza Italia), Cesare Mattaliano (Misto), Francesco Scarpinato (Fratelli d’Italia), Gianluca Inzerillo (Iv-Sicilia Futura) ed Elio Ficarra (Udc) sostengono infatti che la Ztl "rischierebbe di minare la ripresa economica, ma anche di gettare nel caos la circolazione che già sconta gli enormi ritardi dei cantieri e dei restringimenti in viale Regione Siciliana, all'altezza del ponte Corleone e di via Principe di Paternò, in via Roma e in via Crispi".

E rimarcano: "Muoversi con l'automobile in città è diventato pressoché impossibile e le code in Circonvallazione sono chilometriche, riattivare la Ztl non farebbe altro che far aumentare il traffico e, quindi, l'inquinamento, smentendo le tesi ambientaliste di chi invece vuole solo fare cassa".

"La scelta - afferma Rosalia Lo Monaco, capogruppo M5S a Palazzo delle Aquile - di tirare dritto sulla decisione di riattivare la Ztl diurna, ignorando la mozione approvata a maggioranza dal Consiglio, che invece chiedeva di mantenere la sospensione sino al 31 dicembre 2021, ha dell'incredibile. Evidentemente la richiesta di dialogo fatta dal Sindaco a tutti i capigruppo è una via a senso unico, il cui intento è svilire ancora una volta il ruolo di indirizzo e controllo politico-amministrativo assegnato al massimo organo rappresentativo della comunità locale, interprete della volontà popolare".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le opposizioni contro la Ztl: "Va sospesa fino a dicembre, danneggia la ripresa"

PalermoToday è in caricamento