Cronaca

Zisa, i Nas in una rosticceria: sequestrati 60 chili di cibo avariato

Maxi operazione insieme a polizia, Finanza e vigili. Il titolare dell'esercizio è stato colpito da una sanzione amministrativa di 3.000 euro anche per avere adibito un locale a deposito abusivo degli alimenti

I controlli si sono estesi anche in via Maggio

Maxi operazione da parte di polizia, Nas, Finanza e vigili, alla Zisa e alla Noce. Un esercizio per la vendita gastronomica è stato sanzionato e numerosi alimenti, circa 60 chili - in prevalenza rosticceria - sono stati posti sotto sequestro perché in cattivo stato di conservazione. Il titolare dell’esercizio è stato colpito da una sanzione amministrativa di 3.000 euro anche per avere adibito un locale a deposito abusivo degli alimenti. Le forze dell'ordine, però, non hanno comunicato il nome del locale.

In via Maggio è stato invece sequestrato un locale, illecitamente trasformato in officina meccanica con tanto di arnesi e ferri del mestiere. A carico del titolare dell’attività abusiva sono state riscontrate le violazioni penali legate allo scarico di acque reflue e smaltimento rifiuti. Pugno duro pure contro i venditori ambulanti di frutta, ortaggi, pesce e, persino fiori, sistemati in ogni angolo di piazza Noce. Sono fioccate le sanzioni.

Rilevante l’esito dei servizi anche sotto l’aspetto della Polizia Giudiziaria: a un diciottenne è stato notificato un ordine di esecuzione per la pena di tre anni e quattro mesi di reclusione a seguito di un episodio di rapina, compiuta a Ballarò, quando ancora era minorenne. Il giovane raggiunto nella sua residenza alla Zisa si trova adesso recluso nel penitenziario minorile “Malaspina”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zisa, i Nas in una rosticceria: sequestrati 60 chili di cibo avariato

PalermoToday è in caricamento