menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I botti sequestrati allo Zen

I botti sequestrati allo Zen

Prete picchiato allo Zen, ragazzini trovano calici rubati

Le coppe in metallo sono state scovate nello sterrato vicino alla parrocchia di San Filippo Neri. Intanto nel corso di alcuni controlli nel quartiere la polizia ha sequestrato 200 chili di giochi pirotecnici illegali: arrestato un uomo

Trovata parte della refurtiva del colpo messo a segno nella chiesa della Zen. Due ragazzini del quartiere hanno trovato due coppe in metallo e altrettante ciotole nello sterrato vicino alla parrocchia di San Filippo Neri, dove due giorni fa sono stati aggrediti il prete argentino del quartiere, Miguel Angel Pertini e i suoi genitori, arrivati il giorno prima dal Sud America per passare le feste insieme al figlio. Così i giovanissimi hanno allertato il 113 e chiesto l'intervento delle volanti.

Intanto, dopo il primo blitz nel quale sono state trovate munizioni e droga, oggi la polizia è tornata a perlustrare la zona, effettuando perquisizioni in abitazioni e oltre 50 box con il supporto dei vigili del fuoco e delle unità cinofile. Durante i controlli, in un magazzino in via Agesia di Siracusa, sono saltati fuori 200 chili di giochi pirotecnici che sarebbero stati venduti in vista del Capodanno. Materiale esplosivo e non regolamentare che avrebbe fruttato, al dettaglio, circa 10 mila euro.

Il proprietario è stato rintracciato ed identificato per Stefano Modica, 32 anni pregiudicato palermitano che successivamente dopo gli accertamenti di rito è stato tratto in arresto. Per la messa in sicurezza del materiale esplodente è servito l’intervento degli artificieri, data la pericolosità data dall’ingente quantitativo. L’arrestato è stato portato al carcere Pagliarelli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento