Vucciria, chiuse per irregolarità due pescherie: la merce sequestrata donata in beneficenza

I titolari sono risultati sprovvisti di Scia comunale, un terzo esercizio non aveva quella sanitaria. E' quanto accertato al termine dei controlli effettuati da polizia, Guardia costiera e vigili urbani. Elevate complessivamente multe per 20 mila euro

Due pescherie chiuse e oltre 70 chili di prodotti ittici sequestrati donati in beneficenza. E' il bilancio di una serie di controlli amministrativi effettuati al mercato della Vucciria da parte della polizia, della guardia costiera e dei vigili urbani.

In particolare, in tre pescherie sono emerse "pesanti irregolarità". Due di queste sono state sottoposte a sequestro. Entrambe si trovano in via Argenteria e i titolari sono risultati sprovvisti di Scia comunale. I locali sono stati chiusi e sequestrati amministrativamente e sono state elevate sanzioni superiori ai 17 mila euro e sequestrati 71 chili di pesce (idoneo al consumo), devoluto a un ente di solidarietà.  

Una terza pescheria in piazza Caracciolo è risultata invece priva di Scia sanitaria. All'interno del locale c'era una bilancia elettronica senza marca e vidimazione per la pesatura del pesce in vendita, anch'essa sequestrata. Elevate sanzioni per 3.500 euro. Il totale delle multe supera così i 20 mila euro. I controlli proseguiranno nelle prossime settimane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: in Sicilia negozi chiusi la domenica e nei festivi

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Tamponi nelle scuole, l'Asp rende noto il calendario: ecco gli istituti coinvolti

  • Incidente al drive in della Fiera, malore dopo il tampone: marito e moglie con auto contro il muro

Torna su
PalermoToday è in caricamento