"Tu votami e io ti aiuto", 96 indagati: ci sono anche l'assessore Cordaro e Cuffaro

Chiusa la maxi inchiesta sul voto di scambio della procura di Termini Imerese. Attenzione puntata sulle elezioni regionali del 2017 e sulle comunali vinte dal sindaco in carica Giunta. Coinvolti anche anche Alessandro Aricò, capogruppo all'Ars di Diventerà bellissima e l'ex deputato Salvino Caputo oggi candidato sindaco di Monreale

L'assessore Cordaro e l'ex governatore Cuffaro

La Procura di Termini Imerese ha chiuso la maxi inchiesta sul voto di scambio che coinvolge politici ed ex potenti che adesso rischiano il processo. Sono 96 gli indagati e 71 i capi d'imputazione. Coinvolti, tra gli altri, l'assessore regionale al Territorio, Salvatore Cordaro; l'ex presidente della Regione Salvatore Cuffaro, Alessandro Aricò, capogruppo all'Ars del movimento Diventerà bellissima. E ancora il sindaco di Termini Francesco Giunta, il deputato leghista Alessandro Pagano e l'ex deputato, sempre leghista, Salvino Caputo che oggi è candidato sindaco di Monreale.

Le ipotesi principali sono di voto di scambio, con promesse elettorali di assunzioni, superamento di esami di maturità, ammissione in scuole di specializzazione, appalti assegnati a imprese di comodo presso cui far lavorare elettori. Secondo i magistrati il sistema di scambio di voti sarebbe stato messo su per condizionare due competizioni elettorali, cioè le regionali del 2017 e le comunali di Termini Imerese. L'indagine era stata avviata due anni fa dopo il caso Caputo, quando vennero indagati i fratelli Salvino e Mario Caputo. Quest'ultimo sarebbe stato candidato al posto del fratello, che non poteva candidarsi dopo la condanna per abuso d'ufficio. Cuffaro, invece, è accusato di corruzione elettorale in concorso con Filippo Maria Tripoli.

"Mi è stato notificato per conto della Procura di Termini Imerese un atto di chiusura delle indagini dove mi si contesta di 'aver promesso un posto di lavoro all'Ars' in cambio di voti. Ho sempre avuto e ho grande fiducia nella Giustizia e rispetto per il lavoro dei pm e se sono nella lista insieme ad altri 96 indagati un motivo ci sarà", commenta Salvatore Cuffaro. L'ex governatore precisa "appena avrò le carte che mi riguardano le studierò e mi adopererò con i miei avvocati per chiarire questa vicenda che mi viene attribuita. So che è reato promettere posti di lavoro in cambio di voti e so di non aver promesso nessun posto di lavoro all'Ars e so anche di non avere nessun potere, o ruolo (essendo un semplice cittadino senza alcun incarico) e nessuna possibilità di mantenere simili promesse. Conosco Amodeo da 20 anni, è un dirigente 
politico, e non credo avesse bisogno di promesse di lavoro per votare per Filippo Tripoli col quale ha un ottimo rapporto personale ed ha 
collaborato per tutta la campagna elettorale. Sono certo di poter chiarire, quanto prima, la mia innocenza rispetto ai fatti che mi si contestano".
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (16)

  • Io senza lavoro da anni e loro ancora a fare ste cose!!!io non so come sfamare i miei figli da anni non trovo un lavoro e loro sempre le stesse cose io non so come mettere insieme il pranzo e la cena e loro sempre a mangiare e arricchirsi li detesto tutti!!!

  • Toglietegli tutto sequestro e confisca di tutto gente come Cordaro deve andare a lavorare magari a zappare con uno stipendio normale non il super stipendio dellars!!! Così il suo ego la sua boria inguardabile forse finirà!!!!unne nuddu miscatu ci nienti ma se la tira manco fosse Trump!!! mandateli tutti a lavorare a 1000/1200 euro al mese!

  • Questi sono i politici che ci hanno rappresentato, poi ci lamentiamo che tutto non funziona .

  • Avatar anonimo di Salvo
    Salvo

    Il fatto che la formazione, pip, cooperative partecipate,sono il bacino di voto di scambio.. anche nell'ultima campagna elettorale regionale.... il siciliano  è stato sempre un parassita..!!! finché ce questa classe politica speranza=00

  • Caputo sempre presente...

    • Perché Cordaro con quella faccia...ha avuto accuse in precedenza..ci sarà abituato ne usciranno tutti puliti come il culetto di un bimbo..questa città è senza speranza

  • Ma hanno scoperto l'acqua calda?...da sempre esiste la "promessa" di qualcosa in cambio del voto….chi di noi elettori,non ha mai ricevuto un impegno,un possibile aiuto se…...

  • Ricordo a tutti i commentatori che si tratta di IPOTESI ACCUSATORIE. Si deve vedere se reggono in tribunale..anzi non é nemmeno detto che tutti gli indagati vadano a processo. Nessuno è stato ancora scoperto colpevole di niente. Quindi state calmi anziché domandare la "galera", allocchi

  • Totò, hai passato i veri guai, ma il vizio non te lo vuoi levare!

  • Che schifo! La gente senza lavoro è si gioca sulla dignità delle persone. Il voto non deve essere condizionato da nulla, deve essere libero. Capace di esprimere la volontà dell'elettore e basta! Bisogna dare una pena esemplare!

  • È sempre esistita la corruzione per avere voti ora vogliono far capire che hanno scoperto nel 2019 l'America non esiste in Italia politico che non sia corrotto tutti pezzi di m***

  • Semplice fuori dalla politica e galera x tutti. Scherzo domani nn se ne parlerà più

  • Quale sarebbe la novità. È da sempre che esistono questi accordi. L'importante è che il cittadino non faccia alcun errore altrimenti sono guai .

    • infatti la novità dove sta?.

  • Iobti votavu ma tu um mi aiutasti....

    • E lo dice...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Le "vampe" di San Giuseppe infiammano la città, a Ballarò arance contro polizia e vigili

  • Cronaca

    Padre e figlio freddati allo Zen, convalidato l'arresto del reo confesso

  • Cronaca

    Zen sotto assedio, perquisizioni nelle case: preso 22enne con pistola e coca

  • Cronaca

    Arriva il presidente cinese, città blindata: divieti e strade chiuse al traffico

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Cocaina a gogò per i professionisti: terremoto nella mafia di Porta Nuova, 32 arresti

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

Torna su
PalermoToday è in caricamento