A Palermo un progetto per sconfiggere la "Paura di volare"

L'iniziativa è della compagnia low cost Volotea con Gesap, Enav, Comune, Asp e Ifsc. Il 99,2% dei pazienti che finora ha seguito il percorso terapeutico è riuscito a superare la sua fobia

Foto archivio

Tachicardia, vertigini, sudorazione e reazioni incontrollate. Sono molti gli italiani che all'idea di partire in aereo iniziano a stare male. Per aiutare chi proprio non riesce a mettere piede a bordo c'è un progetto ad hoc: "Paura di Volare". L'iniziativa è della compagnia low cost Volotea con Gesap, Enav, Comune, Asp e Ifsc.  “Ci è capitato a volte di dover gestire, a bordo dei nostri aerei, passeggeri impauriti o in preda a crisi di panico – commenta Valeria Rebasti, commercial country manager Volotea in Italia –. E proprio per aiutarli a superare questo blocco, abbiamo deciso di partecipare attivamente al progetto”. 

Una volta intrapreso un adeguato percorso terapeutico studiato dagli esperti dell’Asp di Palermo - che prevede incontri singoli e di gruppo e realistiche simulazioni - tutti coloro che temono di staccare i piedi da terra potranno finalmente provare a prendere il volo: il vettore ha infatti messo a disposizione 63 biglietti sulla tratta Palermo – Napoli – Palermo, per i pazienti e per lo staff di psicologi e accompagnatori.

Dal suo avvio "Paura di Volare" sembra aver aiutato tantissimi passeggeri che oggi possono tranquillamente viaggiare in aereo: secondo i dati raccolti, infatti, dal 2006 il 99,2% dei pazienti che ha seguito il percorso terapeutico è riuscito a superare la sua fobia specifica. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il nostro personale di volo, che ha già familiarità su come interagire con passeggeri che soffrono di questa particolare paura – continua Rebasti – avrà modo di incontrare i responsabili del progetto, per un meeting di aggiornamento e di sensibilizzazione sul tema”. “Siamo legati a Palermo da un particolare rapporto di affetto – conclude Rebasti. – Nel 2013, grazie alla fiducia e al supporto della autorità locali e di Gesap, abbiamo aperto la nostra seconda base in Italia proprio a Punta Raisi. Da allora siamo cresciuti e oggi dallo scalo raggiungiamo 17 destinazioni, 7 in Italia (Bari, Genova, Napoli, Olbia, Torino, Venezia e Verona), 4 in Francia (Bordeaux, Nantes, Strasburgo e Tolosa), 3 in Grecia (Atene, Mykonos e Santorini), 2 in Spagna (Ibiza e Palma di Maiorca, disponibile dal 28 luglio) e 1 in Israele (Tel Aviv, rotta riattivata l’8 luglio). Per il 2015 la nostra offerta prevede circa 4.300 voli da e per Palermo per un totale di più di 537.100 posti in vendita".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Palermo usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Straordinario ritrovamento a Caltavuturo: scoperta strada del secondo secolo Dopo Cristo

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia ci sono altri 77 casi: positiva un'infermiera all'Ingrassia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento