Cronaca

Il racconto della giovane abusata a Villa Trabia: "Vivo all'estero sperando di dimenticare"

La tredicenne subito dopo la violenza sessuale si è trasferita in Inghilterra, ospite di alcuni parenti. Ora frequenta lì le scuole superiori. Al suo avvocato ha spiegato di provare ancora molta vergogna per ciò che le è successo. I suoi genitori sono all'oscuro di tutto: "Credono abbia solo avuto problemi a scuola"

Dopo essere stata abusata a Villa Trabia e ricattata con un video da S. N. (il ragazzo dello Zen che oggi è stato condannato a 6 anni), dopo aver trovato il coraggio di denunciare, la tredicenne ha deciso di lasciare Palermo e di trasferirsi in Inghilterra, dove vivono altri suoi parenti. A raccontarlo è l'avvocato della ragazzina, Mauro Barraco, che in questi mesi ha tenuto i contatti con lei via Skype o Whatsapp. "E' scappata - spiega - sperando di dimenticare ciò che le è accaduto". La cosa paradossale di questa vicenda è che ad oggi i genitori della vittima sono all'oscuro di tutto, non sanno nulla cioè dei fatti al centro del processo.

Dopo la brutta esperienza con S. N., la giovane frequenta adesso le scuole superiori e cerca di condurre una vita normale. In apparenza si può anche riuscire a nascondere i segni di una violenza sessuale, ma nel profondo queste sono ferite che difficilmente si rimarginano: "Prova vergogna - dice l'avvocato - e si vergogna perché pensa erroneamente di aver sbagliato qualcosa, che la colpa di ciò che le è successo sia sua".

S. N., 24 anni, dal canto suo non le ha mai chiesto scusa per il suo comportamento e, come ha rimarcato anche la Procura durante la requisitoria, ad oggi sembra non aver compreso il disvalore di ciò che ha fatto.

La paura più grande della ragazzina è che i suoi genitori, soprattutto suo padre, potessero venire a conoscenza della vicenda: a loro non ha mai raccontato nulla e di fatto sono convinti che gli atti ricevuti dal tribunale siano legati a problemi che l'adolescente avrebbe avuto a scuola. "Vorrebbe tornare a Palermo - dice ancora l'avvocato - soprattutto per rivedere suo padre e sua madre. E' probabile però che sceglierà di proseguire la sua vita altrove, lontano da qui".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il racconto della giovane abusata a Villa Trabia: "Vivo all'estero sperando di dimenticare"

PalermoToday è in caricamento