menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il palazzo di giustizia

Il palazzo di giustizia

"Si finse ginecologo su Instagram e poi abusò di una quindicenne", condannato a 8 anni

L'imputato, un disoccupato di 26 anni, avrebbe contattato sul social la ragazzina, che era alla ricerca di informazioni mediche. Le avrebbe dato il suo numero e lei, convinta di avere a che fare con un medico, gli avrebbe mandato anche immagini intime per la "diagnosi". Successivamente i due si sarebbero incontrati e lui l'avrebbe violentata

Su Instagram si sarebbe spacciato per ginecologo ed avrebbe così adescato una quindicenne, dalla quale - col pretesto della "diagnosi" - si sarebbe fatto inviare immagini intime e che poi avrebbe anche incontrato e violentato. Per lui, un disoccupato di 26 anni, è arrivata una condanna a 8 anni di carcere, inflitta con il rito abbreviato dal gup Giuliano Castiglia. Una pena più pesante di quella richiesta dallo stesso pubblico ministero, che era di 6 anni e 8 mesi.

Il processo si è concluso nei giorni scorsi ed era nato dall'inchiesta della sezione di polizia giudiziaria della Procura di Termini Imerese, passata poi per competenza a Palermo e coordinata dal procuratore aggiunto Annamaria Picozzi e dai sostituti Luisa Bettiol e Maria Rosaria Perricone. L'imputato era finito agli arresti domiciliari a febbraio dell'anno scorso.

E' proprio ai poliziotti che la ragazzina aveva trovato il coraggio di raccontare quanto le sarebbe accaduto. I due si sarebbero conosciuti attraverso il social network e sarebbe stato il disoccupato, residente in un comune della provincia, a contattare la ragazzina proprio mentre stava cercando informazioni mediche in rete. L'imputato, fingendosi ginecologo, le avrebbe dato il suo numero e lei si sarebbe subito fidata.

A quel punto, l'adolescente non avrebbe avuto esitazioni a mandare foto delle sue parti intime a quello che credeva essere un medico ed avrebbe accettato anche di incontrarlo. In quella circostanza, però, come la giovane ha denunciato agli investigatori, lui l'avrebbe violentata.

Il racconto della vittima è stato ritenuto pienamente fondato dal giudice che ha quindi condannato a 8 anni di reclusione l'imputato. Una pena ridotta di un terzo perché il finto ginecologo ha scelto di essere processato con il rito abbreviato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento