"Mi ha toccato il seno a scuola", bidello assolto dopo l'accusa di una tredicenne

Un operatore scolastico, Filippo Greco, era stato sospeso nel 2015 dopo il caso che ha travolto la scuola media Ciro Scianna. Sono serviti quattro anni e le deposizioni di quaranta testi per dimostrare la sua innocenza

L'ingresso dell'istituto Ciro Scianna di Bagheria

Un bidello è finito sotto processo con un’accusa infamante come quella di aver molestato a scuola una ragazzina di 13 anni, ma dopo quasi quattro anni e quaranta testi ascoltati nel corso delle numerose udienze è stato riconosciuto innocente. Il giudice Vittorio Alcamo del tribunale di Termini Imerese ha assolto il sessantenne Filippo Greco dall’accusa di violenza sessuale su minore perché “il fatto non sussiste”.

L’inizio della vicenda risale al marzo 2015 quando una giovane studentessa della scuola media Ciro Scianna di Bagheria decise di denunciare il collaboratore scolastico. “Mi ha chiuso nel bagno della palestra e mi ha toccato il seno”, ha riferito ai suoi professori. Greco, dal canto suo, ha sempre negato ogni accusa sostenendo di essersi limitato a spingere la ragazza poggiandole la mano sull’ascella per invitarla a tornare in classe: “Non puoi stare in corridoio”.

walter cutrono valentina fontana avvocati-2“Una volta scoppiato il caso, Greco è stato sospeso dal lavoro per quattro lunghissimi anni, ma dopo una lunga istruttoria dibattimentale - spiegano i suoi avvocati Walter Cutrono e Valentina Fontana (nella foto allegata) - è stato assolto con formula piena. La madre della minore, a seguito di un colloquio con il nostro assistito all’epoca dei fatti, aveva ricostruito l’accaduto e chiarito. Nonostante ciò la preside ha deciso di denunciare il fatto, lasciando però lavorare l’operatore scolastico per altri due mesi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al termine delle indagini preliminari il gip, sulla scorta di quanto acquisito sino a quel momento, ha disposto per Greco l’applicazione del divieto di dimora a Bagheria della durata di un anno e mezzo. “Per quasi quattro anni - prosegue l’avvocato Cutrono - è stato sospeso ma ha continuato a prendere il 50% del suo stipendio. Da domani, dopo aver ottenuto questo importante risultato, valuteremo se fare una richiesta di risarcimento danni, quantomeno per fargli ottenere ciò che non ha percepito ma gli spettava di diritto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moggi: "Padre Pio è apparso in sogno a una signora di Palermo e ha fatto una profezia su di me"

  • Va in ospedale per sospetta congiuntivite, due giorni dopo 30enne trovato morto in casa

  • Coronavirus, in Sicilia sospeso l'avvio della stagione balneare

  • Un cerotto contro il Covid-19: il vaccino scoperto dagli scienziati Usa gemellati con Palermo

  • Coronavirus, positivo anche primario dell’ospedale Villa Sofia: è ricoverato al Cervello

  • Sesso a 3 in strada davanti ai vigili: "Così passiamo la quarantena", denunciata giovane palermitana

Torna su
PalermoToday è in caricamento