Stupro di gruppo su una quattordicenne, arrestati tre minorenni

La violenza è avvenuta in provincia durante l'ultimo Carnevale. I tre - due quindicenni e un diciassettenne - sono stati identificati grazie alle testimonianze incrociate di vittima e testimoni, all’acquisizione dei tabulati telefonici e alla geolocalizzazione

Avrebbero violentato in gruppo una quattordicenne. Con questa accusa tre giovanissimi sono stati fermati dagli agenti di polizia giudiziaria della polizia presso la Procura dei minori su disposizione dell'autorità giudiziaria. Il fatto è avvenuto nell'entroterra siculo durante l'ultima edizione del Carnevale. I tre, due quindicenni e un diciassettenne, avrebbero raggiunto un luogo appartato e periferico del Comune insieme alla vittima che si sarebbe unita alla comitiva di conoscenti. Poi la violenza. A liberarla dal branco altri due coetanei che avrebbero messo in fuga i responsabili.

A distanza di una decina di giorni la quattordicenne, grazie al sostegno dei suoi amici, ha trovato la forza di raccontare tutto prima ai genitori e poi alle forze dell'ordine hanno avviato le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Gaetano Guardì. Grazie alle numerose testimonianze incrociate di vittima e testimoni, all’acquisizione dei tabulati telefonici degli indagati e alla geolocalizzazione dei loro dispositivi, gli agenti sono riusciti ad individuare i tre minorenni (incensurati e residenti nello stesso luogo dove si è consumata la violenza) nei confronti dei quali sono stati disposti i domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In un primo momento si era diffusa la voce che i responsabili della violenza avessero ripreso con lo smartphone la scena, ma dopo il sequestro e le analisi delle schede di memoria non è stato trovato nulla. A preoccupare gli inquirenti, oltre alla gravità di quanto accaduto, lo spaccato sociale venuto fuori fra le pieghe delle indagini. Sembrerebbe infatti che al momento della violenza altri coetanei si trovassero lì, a distanza di pochi metri, ma nessuno di loro avrebbe mosso un dito in difesa della giovane per la quale sono state avviate le procedure per garantirle un supporto psicologico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Moggi: "Padre Pio è apparso in sogno a una signora di Palermo e ha fatto una profezia su di me"

  • Va in ospedale per sospetta congiuntivite, due giorni dopo 30enne trovato morto in casa

  • Coronavirus, in Sicilia sospeso l'avvio della stagione balneare

  • Un cerotto contro il Covid-19: il vaccino scoperto dagli scienziati Usa gemellati con Palermo

  • Coronavirus, in Sicilia 68 nuovi contagiati: i morti superano quota 100

Torna su
PalermoToday è in caricamento